Giuseppe De Chirico in concerto a Terracina


Giuseppe De Chirico, Daniela Benevoli ed Emmanuele Dicembrino. anxur time

 

Si terrà domani, giovedì 26 maggio il concerto di Giuseppe De Chirico, dal titolo “Dacci di ricominciare”.  L’appuntamento è alle 21.00 nell’aula magna dell’ITS Arturo Bianchini di Terracina in Via Pantanelle, con ingresso libero. “Il titolo del concerto – ha detto l’artista-prende spunto dal nuovo CD, attraverso canzoni, piccole storie, aneddoti e brevi poesie vorrei raccontare il mio percorso di “ripartenza” grazie all’intervento straordinario (e inatteso) di Dio”. Il concerto prevede una selezione di canzoni dai CD “Dacci di ricominciare” (2015), “Fiori nelle mani” (1996/2011), due brani dalla mia prima produzione discografica (“Volo”, 1986) e una o due cover. Tutto è pensato in una prospettiva di stimolo alla riflessione e alla partecipazione consapevole, in un clima consono a un evento di musica autorale.

concerto giuseppe de chirico. anxur time

Con Giuseppe De Chirico (voce, chitarre), suoneranno anche Emmanuele Dicembrino (piano, tastiere, fisarmonica, chitarra, cori) e Daniela Benevoli (cori). Dopo aver allietato il pubblico soprattutto in alcune città del nord, questo gruppo, dopo Terracina, in questo fine settimana terrà concerti anche a Roma. L’organizzazione è della Chiesa di Cristo di Terracina che si trova in Via De Amicis 7. Una Comunità che “vive” il territorio dal lontano 1956 grazie alla presenza attiva del pastore Giuseppe Italiano.

Giuseppe De Chirico è nato a Salò (BS) e nel 1986 ha realizzato il suo primo disco (“Volo”). Giuseppe De Chirico diventa ben presto uno dei rappresentanti italiani più conosciuti e apprezzati della Contemporary Christian Music. Dopo dieci anni di tour, esibizioni e festival, nel 1996 ha pubblicato il CD “Fiori nelle mani” un’elegante miscela di folk-rock, ballad e cantautorato, frutto di un percorso di maturazione artistica e personale. “Le canzoni devono essere espressione dei diversi aspetti della mia esistenza. La voce, la chitarra, la poesia: questi sono i miei ingredienti per raccontare la vita senza retorica e lontano dall’uso di stereotipi”, dichiarava in un’intervista in occasione della presentazione di “Fiori nelle mani”.
Durante i concerti in tutto il Mondo, però, si manifesta in modo sempre più evidente la sindrome che da tempo stava compromettendo il suo apparato fonatorio, e che alla fine del 1996 lo costringe a ritirarsi dalle scene musicali.

Negli anni che seguono, Giuseppe De Chirico si adopera attivamente allo sviluppo di percorsi di formazione nel campo delle arti. Sono anni in cui è anche particolarmente attivo nella produzione poetica, nella pittura e nel teatro sperimentale. Il 21 ottobre 2009 (durante un soggiorno a New York) rappresenta l’inizio miracoloso del suo recupero vocale; il disturbo che lo aveva costretto all’abbandono, infatti, comincia a regredire. Dopo mesi di lento ma progressivo miglioramento, nel gennaio del 2011 decide di riprendere a cantare pubblicamente e “a raccontare della vita e di tutti i benefici prodotti da una relazione profonda con Dio, una scopertameravigliosa che risale ai primi anni ottanta e che oggi vivo con consapevolezza, appagamento e profondo senso di gratitudine”.

concerto giuseppe de chirico. anxur time

Il 2011 è l’occasione per il lancio della ristampa di “Fiori nelle mani”. A distanza di quattro anni, ha pubblicato il nuovo CD “Dacci di ricominciare”, una raccolta di 8 brani inediti che raccontano da prospettive diverse lo straordinario momento di ripartenza e rivitalità artistica. Parallelamente alla sua attività di cantautore, Giuseppe De Chirico è anche un worship leader di grande sensibiltà e originalità, nonché il promotore di Quelli che cerca, network italiano di worship leader, di Perunoinquattro, un progetto che scaturisce dall’incontro di due generazioni di cantautori cristiani (con Nico Battaglia, Luca Durante e Albino Montisci) e di ECC Music, house concert e sostenibilità.

 

Share this post