Il nuovo movimento politico “Possibile” è realtà anche a Terracina.


Da sinistra: Pippo Civati e Andrea Percoco

da comunicato stampa di Andrea Percoco

Dopo l’incontro nazionale a Roma dello scorso 21 giugno in cui è stato presentato il nuovo soggetto politico  “Possibile” anche a Terracina è iniziata la fase organizzativa , con una riunione nel corso della quale sono stati analizzati i punti cardine del progetto a partire dal Patto Repubblicano di Pippo Civati e di Andrea Pertici, carta dei valori per la partecipazione, l’uguaglianza e la libertà.

L’obbiettivo non è costruire un partito a sinistra del pd come sommatoria di simboli e luoghi nostalgici, ma un nuovo centrosinistra: propositivo, dinamico, fluido, senza apparati; insomma un centrosinistra che rinasce dai diritti. Costruire un governo di centrosinistra che oggi manca al paese. Avviare la stagione referendaria per abrogare le riforme del Governo Renzi (Buona Scuola, Jobs Act, Sblocca Italia, Legge Elettorale). Essere un contenitore di idee innovative, questa la sfida: lavorare insieme per dare vita ad un’altra Italia che non lascia indietro nessuno. 

A Terracina le donne e gli uomini che si impegneranno con il comitato di Possibile lavoreranno su 5 temi: legalità, politiche sociali, politiche giovanili, cultura e lavoro pensando un modello di amministrazione virtuosa e trasparente, in grado i cogliere le idee innovative già  realizzate da altri comuni individuandone altre a partire dalle specificità locali.

Parlare ai terracinesi che non credono più alla politica, questa la grande sfida; rivolgersi ai tanti che vorrebbero impegnarsi in un partito di centrosinistra nel quale riconoscersi e sentirsi a casa. La buona politica è servizio disinteressato alla comunità, dobbiamo insieme cambiare le cose per rendere Terracina una città migliore.  Essere protagonisti del cambiamento che vogliamo, incontriamoci e tracciamo la rotta del comitato Possibile a Terracina, poi spieghiamo le vele, c’è un futuro da inventare, inventiamolo insieme.

Share this post