Il segreto di vicolo delle Belle premiato a Ladispoli


Dopo essere stato premiato come finalista a Forte dei Marmi per Il premio internazionale Michelangelo Buonarroti, il romanzo ambientato a Terracina di Marika Campeti “Il segreto di vicolo delle Belle” sale sul podio aggiudicandosi il terzo posto al Premio Letterario città di Ladispoli. La scrittrice romana, premiata dall’assessore alla cultura Marco Milani, ha ricordato sul palco le motivazioni che l’hanno spinta a scrivere un romanzo ambientato durante il bombardamento del 4 settembre 1943, l’amore per la città dove ha passato gli anni felici della sua infanzia, ascoltando con curiosità i racconti sulla guerra narrati dalle donne anziane del centro storico. “Un riconoscimento ancora più apprezzato, che il mio romanzo ambientato a Terracina sia stato premiato proprio da una città di mare.” 

Il romanzo, disponibile a Terracina presso la libreria Bookcart (ricordiamo la nuova sede sulla salita dell’Annunziata) ha conquistato i terracinesi e continua a far parlare di sé per il suo successo e per la costanza con cui la scrittrice tiene acceso l’interesse sulla trama che si svolge in tre epoche storiche diverse: Il presente di Sarah, una ragazza che arriva a Terracina per dimenticare ciò che le è accaduto in Marocco, immergendosi nella ricerca della verità sul passato della nonna. Il passato degli anni 90, epoca d’oro del turismo per Terracina che vede protagonista Sofia e un mistero da svelare, un fratello gemello scomparso durante il bombardamento angloamericano del 4 settembre 1943. Sofia è una bellissima donna sulla soglia dei 50 anni che nella sua ricerca della verità troverà qualcosa di assolutamente inaspettato. Il bombardamento del 1943 che vede protagoniste Nina e Rosa: due donne opposte, sia per lo stile di vita che per il carattere. Cinica e calcolatrice l’una, ingenua e buona l’altra. Loro vivranno sulla loro pelle, la solitudine e il coraggio che il genere femminile dovette affrontare, quando nel periodo di guerra, le donne rimasero da sole, senza la protezione dei loro uomini.

Il passato e il presente si mescolano attraverso l’amore e il dolore di queste quattro protagoniste, apparentemente non collegate tra loro, ma le cui vite sono intrecciate in modo indissolubile da un segreto che ha modificato per sempre la loro storia. Un ritmo narrativo fluido arricchito da preziose descrizioni dei luoghi, un magistrale uso del flashback, una sequenza di colpi di scena che si dispiegano l’uno dopo l’altro verso un finale che lascerà il lettore con la certezza di aver vissuto un’esperienza di lettura unica. Le parole dell’autrice “Questo è il mio regalo alla città che amo da quando sono bambina. Il mio cuore è legato a Terracina, come se fosse la mia città natale. I miei ricordi più felici sono legati ai meravigliosi scorci panoramici offerti dal centro storico e dal mare. Volevo imprimere questa bellezza in una storia forte, una storia in grado di lasciare un segno indelebile a chi la legge. Per questo ho creato delle protagoniste coraggiose, donne che sconvolgono l’ordine delle cose, che rovesciano i ruoli e non accettano di essere vittime di un destino drammatico, donne che si muovono tra i vicoli di pietra che ho dipinto tra le pagine con i colori dei miei ricordi”.

Share this post