Il Wwf chiede al Comune la pulizia straordinaria delle spiagge


Tra il 27 e 28 dicembre la nostra costa è stata flagellata da una tempesta e una mareggiata senza precedenti recenti, a questa si aggiunge una nuova mareggiata in corso proprio in queste ore. Quando la furia del mare si è placata lo spettacolo che si presentava agli occhi di chi è andato a controllare gli effetti dell’evento era davvero spaventoso.

Lo scrive in una nota il Wwf Litorale pontino che ha inviato una richiesta al Comune affinché provveda quanto prima a una pulizia straordinaria delle spiagge. «Sulla spiaggia sono stati lasciati dalle onde quintali di plastica e di rifiuti di ogni tipologia. Si potevano notare anche molte reti e nasse, evidentemente tenuti in mare e strappati dalla forza delle onde. L’impeto delle onde ha anche messo in luce pavimentazioni di lastre di cemento coperte alla fine dell’estate da uno strato di sabbia o strutture “riparate” sotto le scale di accesso alla spiaggia. A questo si sono aggiunte parti distrutte, in materiale vario, appartenenti a strutture balneari.

Naturalmente il mare a portato a riva, come sempre avviene durante una “naturale mareggiata” grandi quantità di alghe e piante di Posidonia.

Il WWF Litorale Laziale attraverso l’opera dei suoi attivisti sul territorio, ha sempre curato la difesa della costa laziale sia con azione in difesa dal rischio del degrado o di attività di speculazione edilizia sia nella cosante e incisiva azione di pulizia delle spiagge in tutti i periodi dell’anno specie da quando la nostra associazione ha iniziato a spendersi con impegno nel progetto di contrasto dell’inquinamento da plastica.

La nostra associazione non ha le risorse umane per far fronte a questo evento straordinario ma non per questo può tacere e fare a meno di richiamare l’amministrazione ad intervenire e chi ne ha la facoltà e la competenza a far rispettare tutte le norme relative alla gestione dei rifiuti anche sollecitando le categorie commerciali che sono tenute al rispetto di queste regole fosse anche per rispetto dell’ambiente che produce reddito e della città che lo mette loro a disposizione.

Il WWF Litorale Laziale quindi ha segnalato tutto questo agli uffici comunali interessati nonché al Sindaco e all’Assessore all’Ambiente; la comunicazione è stata inviata anche alla Società De Vizia deputata alla pulizia dell’arenile sia in estate che in inverno per pulizie ordinarie e straordinarie.

La tempestività nell’intervento sarebbe l’occasione per evitare che molti di questi rifiuti ritornino in mare cosa che sta già avvenendo proprio in queste ore a causa di una nuova mareggiata in atto.

Abbiamo anche segnalato la necessità di non usare mezzi meccanici per la pulizia in quanto tutto il materiale naturale non dovrebbe essere asportato, le conchiglie perché sono il materiale che “produce” con il tempo la sabbia; i cumuli di alghe e alghe e Posidonia invece rappresentano una protezione dall’asporto di sabbia ad opera del mare e del vento in una vera e propria azione erosiva; le alghe e la posidonia poi trattengono grandi quantità di sabbia che non va assolutamente persa.

Ecco, secondo noi una delle azioni di contrasto all’erosione e ai cambiamenti climatici potrebbe cominciare proprio da qui, da azioni non eclatanti ma molto utili alla tutela del territorio. Tutta la comunità dovrebbe mettersi nello spirito di fare tutto il possibile per curare l’ambiente da cui dipende la nostra vita e l’economia di tante famiglie. 

Per i resti delle strutture, infine, sarebbe un bel segnale se gli operatori balneari si adoperassero per ripristinare una ambiente che rappresenta la loro fonte di guadagno».

Share this post