Imbocco della Frosinone-Mare chiuso un altro mese, slitta la riapertura


Slitta ancora una volta la riapertura dell’imbocco della Frosinone-Mare, la statale 699 chiusa dallo scorso dicembre. Prima si trattava di voci, poi è arrivata la conferma: la strada resta inaccessibile fino al 30 marzo nel tratto compreso fra Terracina e il Frasso.

Per gli automobilisti, i pendolari ma anche i conducenti di mezzi pesanti si profilano quindi altri disagi. Sperando che la chiusura fino al 30 marzo (proprio alla vigilia di Pasqua) sia davvero l’ultimo rinvio. È stato lo stesso sindaco Nicola Procaccini a scrivere su Facebook che l’Anas ha comunicato la necessità di rinviare l’apertura della strada. A cui si aggiungerà l’interdizione del traffico in uscita sud, sull’Appia lato Pisco montano, per altri lavori.

Disagi a non finire, quindi. Come si ricorderà, la Frosinone-Mare è stata chiusa a metà dicembre per consentire lavori di consolidamento sul viadotto Anxur. Si preventivava la riapertura in quindici giorni. Il termine era slittato a data da definire. Nei giorni scorsi si era riaccesa la speranza quando era emersa la possibilità di una riapertura. Si dava come riferimento la fine di febbraio. Ora la posticipazione di un mese.

I disagi sono davvero notevoli. Automobili e traffico pesante vengono dirottati nelle strade di campagna tra La Fiora e il Frasso, fino a raggiungere l’imbocco della strada statale all’altezza di Sonnino.

Share this post