In difesa dell’ex ospedale


emilio perroni

Le iniziative si susseguono ed è pronta una petizione pubblica per la tutela, la valorizzazione e la fruizione dell’acropoli di S. Francesco a Terracina (ex Ospedale Civile) nell’ambito del Parco Regionale dei Monti Ausoni.Il Comitato Cittadino ha individuato i diversi punti pubblici di raccolta delle firme, attraverso i quali i cittadini potranno sottoscrivere la petizione in oggetto:Bar Margherita, Viale Circe. Bookcart, Via Roma, Diagnostica Hermada, Via Pantani da Basso, Borgo Hermada, Bar Malù, Viale Circe, Bar Duomo, Piazza Municipio, Centro Storico alto e Anna Catena Restauro, Corso A. Garibaldi, Centro Storico alto. Il Comitato Cittadino, inoltre, ha richiesto e ottenuto l’adesione all’iniziativa da parte del Forum di Agenda 21 Locale.

Nell’incontro con l’Assessore ai Beni Culturali Emilio Perroni (nella foto) il Comitato Cittadino ha ribadito quanto esposto nell’incontro pubblico del 7 marzo 2014 da parte delle Associazioni WWF, Archeoclub d’Italia e “Cultura e Territorio. E cioè che il sito e l’area dell’acropoli di S. Francesco sono sottoposti, da parte dello Stato e della Regione Lazio, a diversi vincoli di tutela. Essi costituiscono, pertanto, ai sensi della legge n. 42 del 22/01/2004, un bene culturale. Inoltre, in quanto bene culturale, l’area e gli edifici del sito sono indisponibili e inalienabili.Nello stesso tempo, sempre ai sensi di legge, l’area e gli edifici in questione devono essere valorizzati, gestiti e resi fruibili pubblicamente nel rispetto delle loro caratteristiche culturali e naturali. In sostanza il Comitato Cittadino, con la raccolta delle firme avviata, intende chiedere l’intervento urgente dei competenti organi statali, regionali e locali, allo scopo di garantire, in modo particolare, la tutela, la valorizzazione, la gestione, la promozione e la fruizione pubblica del sito, in quanto principale espressione della memoria storica e della identità culturale della città e dei cittadini, e con la finalità di salvaguardare la valenza eccezionale del suo patrimonio archeologico, architettonico, artistico, urbanistico, ambientale e paesaggistico. Dal canto suo l’Assessore ai Beni Culturali Emilio Perronisi è reso disponibile per un intervento immediato di messa in sicurezza del sito dichiarando il proprio impegno per fornire un riscontro, a breve, sulla situazione.

Tags Ospedale

Share this post