Incontri nelle scuole su tecniche di disostruzione delle vie aeree e prevenzione dell’alcolismo


Il prossimo 3 marzo, presso la ‘Giovanni Paolo II’ dell’I.C ‘Don Milani’, scuola dell’Infanzia e Primaria, la dottoressa Maurizia Barboni, pediatra e delegata alla Sanità del Comune di Terracina, e la dottoressa in Scienze Infermieristiche Micaela Danieli, terranno una lezione interattiva di disostruzione delle vie aeree, un’iniziativa patrocinata dalla locale sezione della Fidapa e dal Comune di Terracina. “I rischi di soffocamento dei bambini – commenta Maurizia Barboni – costituiscono un fenomeno spesso sottovalutato che, invece, si verificano con elevata frequenza con conseguenze anche drammatiche. Bastano invece poche e semplici nozioni sulle manovre da eseguire per la disostruzione e ridurre il pericolo. Il corso insegna ad intervenire per aiutare anche gli adulti soggetti a questo tipo di incidente che non riguarda solo i più piccoli. Abbiamo pensato di tenere la lezione in una scuola come la ‘Giovanni Paolo II’ perché rappresenta il perfetto terreno di incontro tra tutti i soggetti interessati, bambini e genitori, tutti coinvolti in questo tipo di problema”. La partecipazione è gratuita ed aperta a tutti. Nei giorni scorsi un’altra iniziativa di spiccato valore sociale si è svolta in una scuola con l’organizzazione della Fidapa e della dottoressa Barboni: “Insieme alla dottoressa Erminia Ammendola – afferma la delegata alla Sanità –, abbiamo svolto un ciclo di tre incontri con gli studenti dell’I.C. ‘Don Milani’ dell’omonimo plesso in via Olivetti, per la promozione della campagna contro l’abuso di alcol ‘La vita che vorrei dipende da noi’. Incontrare i giovanissimi della nostra città, soprattutto i ragazzi che si approssimano all’adolescenza, per far comprendere quali gravissimi pericoli si celino dietro abitudini o situazioni che sembrano innocue o che facilitano il divertimento come l’alcol, non solo è nostro dovere, ma è una nostra precisa volontà perché la tutela delle giovani generazioni passa soprattutto per la diffusione di un’informazione dettagliata e corretta per prevenire tragedie personali e sociali. Desidero ringraziare i ragazzi, la dirigente scolastica e gli insegnanti che hanno dimostrato grande disponibilità per la realizzazione di queste iniziative e attenzione e sensibilità durante il loro svolgimento”.

 

Share this post