Intitolare un parco pubblico ai partigiani terracinesi, la proposta dell’Anpi


L’Associazione nazionale partigiani chiede l’intitolazione di un parco pubblico ai partigiani terracinesi. La proposta riguarda l’area verde della pineta, alla fine del lungomare Circe. «La Pineta, sì la nostra Pineta…non vogliamo che cambi il suo nome ma ci piacerebbe che diventasse la Pineta dei partigiani terracinesi e che custodisca i loro nomi su di una targa.

PERCHÉ?

Perché sono 28 le cittadine e i cittadini che hanno offerto la loro vita per la libertà di tutte e tutti,  combattendo contro il più grande male che l’Europa abbia mai avuto. Perché siano esempio per le giovani generazioni, affinchè conservino la memoria di quanto accaduto, capiscano da dove arriva la libertà che viviamo ogni giorno, riescano a distinguere tra bene e male. Perché crediamo che la nostra bellissima Costituzione, testamento del sangue di 100000 morti, sia anche merito loro. Perché la cittadinanza ritrovi cognomi familiari, parenti e conoscenti, comprendendo come questi eroi siano stati in realtà esempi di umiltà e coraggio. Perché i turisti passando capiscano il contributo dato dalla nostra città alla guerra di liberazione. Perché i giovani che si incontrano all’ombra dei loro nomi li conoscano e familiarizzino con loro. Perché sono un vanto per la nostra città, un patrimonio comune da valorizzare. Perché crediamo che le Istituzioni abbiano il dovere di celebrare questi coraggiosi Protagonisti della storia del nostro Paese».

Share this post