Ironia su Coronavirus, Tintari indignata: «Battute puerili e fuori luogo»


Una battuta di pessimo gusto che non è piaciuta a tanti terracinesi. In primis alla sindaca Roberta Tintari che ha risposto per le rime sui social network. A dare il via alla polemica, la freddura dell’assessore al Turismo e al Commercio di Roma Carlo Cafarotti che, sull’onda delle notizie del virus cinese, ha ironizzato sui social scrivendo “Ma TerraCina è in TerraQuarantena?”. Nulla di grave, ci mancherebbe, ma è ovvio che su certi temi anche una battuta è di pessimo gusto. Su certi argomenti non si scherza.

«L’assessore capitolino Cafarotti – ha commentato Tintari – dovrebbe essere molto impegnato a promuovere il turismo della Capitale d’Italia e invece trova il tempo di cimentarsi in battute puerili e fuori luogo. Se devo pensare a cittadini obbligati a sentirsi in quarantena dalle condizioni igieniche sono proprio i poveri romani, condannati a vivere tra i rifiuti da una pessima politica. Terracina, che è stabilmente sopra il 75% di raccolta differenziata da alcuni anni, sembra la Svizzera rispetto a Roma. Da noi i gabbiani accompagnano i pescherecci in porto, non pascolano in pieno centro. E lo dico con sincero dispiacere per la più bella città del mondo e Capitale della mia nazione. Io ancora la ricordo come Roma Amor, nonostante i Cafarotti di turno».

Share this post