La caldaia della discordia, scoppia la grana in maggioranza


È polemica in maggioranza a causa di una caldaia presso la scuola Fiorini di Terracina. La consigliera comunale di maggioranza Barbara Carinci ha infatti presentato al presidente del Consiglio Gianfranco Sciscione un’interrogazione sui lavori di sostituzione e conversione di una caldaia presso l’edificio scolastico per un importo di circa 38mila euro. Alla stessa ditta – si legge nell’interrogazione – è stata affidata anche la manutenzione ordinaria dell’impianto di riscaldamento fino alla fine dei lavori per un importo di altri 45mila euro. Ma nonostante l’affidamento – rileva Carinci – nell’istituto a oggi è in funzione la caldaia preesistente vecchia di parecchi anni. La stessa consigliera ammette di aver fatto notare a chi di competenza molte volte questo problema ma la situazione sembra non essere cambiata. E allora ci si chiede perché siano stati fatti i lavori, a cosa sia servito installare la nuova caldaia. Tra l’altro con costi piuttosto elevati. A questi dubbi cercherà di rispondere la maggioranza in Consiglio. Visto che per altre vie la risposta non è arrivata neanche per la consigliera Carinci, che della maggioranza fa parte.

Share this post