La Lega chiede più impegno per aiutare i cittadini, Pisa: «Tutta la politica deve remare insieme»


«Quello che stiamo vivendo è davvero un momento particolare sicuramente più grave di quello che percepiamo e probabilmente in peggioramento. I dati che ogni giorno abbiamo sono durissimi nella loro evidenza. Prendo in prestito una frase del Dott. Morelli (psicologo) per dire che “ con li cosmo e le sue leggi evidentemente siamo in debito spinto. Ce lo sta spiegando il virus a caro prezzo”». La consigliera comunale della Lega Fulvia Pisa prova a tracciare un’analisi della situazione e si rivolge all’amministrazione comunale.  «Nonostante questo – spiega – sembra che alcuni non abbiano capito la gravità della situazione sia dal punto di vista sanitario che dal punto di vista economico. La gravità della situazione impone scelte forti, chiare immediate a tutti i livelli. L’amministrazione sta già lavorando all’emergenza Covid 19 su più fronti ma noi chiediamo la possibilità di un Consiglio straordinario per individuare, per quanto ci competa, delle misure aggiuntive economiche e socio sanitarie per la nostra città. A livello economico, a sostegno di famiglie ed imprese, la sola sospensione della Tassa di soggiorno 2020 è misura insufficiente per contrastare lo scenario incerto. Si potrebbe mettere in campo un abbattimento sostanzioso di Tari e Cosap la cui copertura potrebbe essere ricercata nel 50% dell’accertato da sanzioni del codice della strada. Dal punto di vista socio sanitario sollecitiamo a gran voce l’amministrazione a spiegare meglio e ripetutamente ai cittadini i comportamenti da rispettare per evitare il contagio vigilando che siano rispettati e sanzionando chi non li rispetta. Chiediamo la creazione di una task force per essere sempre a disposizione del cittadino e dei sui bisogni inerenti questa delicata situazione. Sicuri che la nostra voglia e capacità e’ grande lavorando insieme vinceremo questa battaglia. La Lega , abbandonando la sterile contrapposizione elettorale , ritiene il momento particolarmente grave per la Nazione e Terracina, comune che sul turismo fonda principalmente la sua economia , e che quindi la politica tutta deve remare insieme per superare il drammatico momento».

Share this post