“La lezione di Pasolini”. Terracina ricorda il grande regista


la lezione di Pasolini. Terracina. Anxur time

Nella notte tra l’1 e il 2 novembre di quarant’anni fa veniva ucciso Pier Paolo Pasolini, uno dei maggiori intellettuali dell’Italia moderna che ha lasciato opere importanti nel cinema, nella letteratura, nella poesia, nel teatro, nella saggistica e spesso sottoposte ad azioni censorie. A lui è dedicata la manifestazione La lezione di Pasolini
che inizierà domani per concludersi lunedì prossimo a cura di Giovanni e Massimo Iudicone.

Sette giorni di fotografia, letteratura, cinema, incontri con scrittori e registi, proiezioni per gli studenti delle scuole superiori della città.

la lezione di Pasolini. Terracina. Anxur time

Nel 1994 i cittadini di Terracina vennero a conoscere il racconto “Terracina” che Pasolini presentò nel 1950 al Premio Taranto dedicato ad opere sul mare e la cui giuria era presieduta da Giuseppe Ungaretti. Traendo ispirazione dai luoghi e dai personaggi del racconto “Terracina” di Pasolini diversi artisti sono stati invitati a realizzare opere fotografiche e pittoriche, le quali, oggi, confluiranno nella collettiva d’arte La lezione di Pasolini, Immagini “diverse” di uomini, luoghi ed ambienti sociali a Terracina. La mostra a cura di Stefano Del Monte si inaugurerà domani pomeriggio alle 18 presso la Sala Valadier dell’Istituto Filosi e proseguirà fino a domenica 29 novembre.
Sempre domani mattina alle alle 11 presso il Cinema Rio verrà presentato il libro “Pasolini, il cinema in 20 tavole” di Mario Sesti e Luisa Mazzone (Ned Ed.) agli studenti delle scuole superiori di Terracina. 20 tavole realizzate dall’artista Luisa Mazzone che ripercorrono – con un tratto tra graphic‐novel e immagine digitale – la filmografia pasoliniana accompagnate dai testi di Mario Sesti. Sarà presente l’autore Mario Sesti e l’editore Pier Paolo Mocci intervistati da Stefano Pariselli. A seguire sarà proiettato il docu‐film “La voce di Pasolini” di Mario Sesti, nel quale i testi di Pasolini, letti da Toni Servillo e accompagnati da immagini inedite d’archivio, ricostruiscono una sorprendente storia d’Italia dal dopoguerra agli anni 70.
Giovedì invece, sarà il giorno consacrato interamente al cinema, sempre presso il Cinema Rio, con la proiezione del corto “Memorie Corsare” di Antonio Fasolo, realizzato in occasione del trentennale della morte di Pasolini e a seguire due capolavori di Pasolini: La ricotta e Comizi d’amore.
La manifestazione continua sabato 28 alle 16 presso il Palace Hotel, con il convegno “Pasolini e la censura”. Realizzato in collaborazione con il Festival delle Emozioni e moderato dal Prof. Giuseppe Musilli, prevede gli interventi dei due studiosi Erminia Passannanti e Gennaro Colangelo.

la lezione di Pasolini. Terracina. Anxur timeLa lezione di Pasolini chiude i battenti il 30 novembre alle 20.30 presso il cinema Rio, con altri due incontri con autori eccezionali: Renzo Paris, intervistato da Laura De Risi , presenterà il suo ultimo libro “Pasolini ragazzo a vita” (Elliot Ed.), “un post‐romanzo nel quale sfila al completo la “famiglia” romana dello scrittore bolognese: da Moravia a Laura Betti, da Ninetto Davoli a Elsa Morante, con i loro viaggi, le estati a Sabaudia, i dibattiti televisivi sul ’68. Dopo Paris sarà la volta di Italo Spinelli, verrà proiettato il suo film “Nuovi comizi d’amore” sceneggiato con Vincenzo Cerami. L’autore introdotto da Antonio Fasolo, racconterà come è cambiata la sessualità degli italiani a 50 anni dal documentario originario di Pasolini.
Gli eventi della manifestazione sono tutti rigorosamente ad ingresso libero.

Share this post