La “nuova” scuola Fiorini, eccola finalmente. Procaccini: «Un gioiello»


Ci sono voluti anni, ma alla fine l’edificio scolastico del plesso “Elisabetta Fiorini” di Terracina sta per risorgere. Sulla facciata frontale dell’istituto, finalmente, le impalcature sono state smontate lasciando il posto alla struttura rinnovata in via Roma. Che di notte presenta una nuova, originale illuminazione per renderne più affascinante l’aspetto. A quattro anni dall’inizio dell’iter per la realizzazione dei lavori di restyling si cominciano quindi a vedere i frutti. Nelle prossime settimane saranno conclusi anche gli interventi sul retro, dove per adesso permangono le impalcature e sono in corso gli ultimi ritocchi.

Nicola Procaccini.anxur time

Nicola Procaccini

Il sindaco Nicola Procaccini ha voluto commentare sul suo profilo Facebook la lieta notizia, ricordando come iniziò l’iter tortuoso per svolgere i lavori. Tutto partì con una lettera inviata dal primo cittadino all’allora premier Matteo Renzi. Era il marzo del 2014, più o meno quattro anni fa. «Quella lettera e il finanziamento che ne è seguito – spiega Procaccini – si sono tradotti nella ristrutturazione di uno dei gioielli dell’architettura neoclassica italiana: il Borgo Pio di Terracina. Ideato dal Valadier e progettato dal Sarti. Certo resta da completarne il restauro, intervenendo sulla parte in uso alla Provincia che ospita un’altra realtà scolastica importante: il Filosi. Ma ce la faremo. Come sempre, con pazienza e determinazione».

Share this post