Lariano: l’ASD Podistica Terracina ancora protagonista


Roberto Del Bono(asd podistica terracina). anxur time

Continua la stagione d’oro degli atleti della “Podistica Terracina”, tra i principali protagonisti della “12^ Corrimaggio Larianese”.

Gara capolavoro per Roberto del Bono. Il campione pontino è stato molto abile a sfruttare le proprie capacità in salita e bravissimo a disegnare una progressione da manuale che, sotto la linea del traguardo, gli è valsa la piazza d’onore della corsa. Dopo lo sparo, da vero combattente, si è subito scatenato, approfittando di un passo particolarmente fluido e facendo la differenza lungo i difficili saliscendi. Durante gli undici chilometri della gara, condotta sempre a testa alta, ha resistito ai continui attacchi dei suoi avversari che, anche quando le posizioni sembravano ormai consolidate, hanno provato a mettergli pressione, specie sul rettilineo d’arrivo, imparando a loro spese quanto severa possa risultare la sua capacità di reazione. L’eccellenza del risultato – che pone in secondo piano, ma non in ombra, il dominio della propria categoria, ormai netto ed incontrastato – la dice lunga sulla vivacità sportiva di questo atleta dalle grandi doti umane e corsaiole.

Tonino Panno e Roberto Del Bono(asd podistica terracina): anxur time

Tonino Panno e Roberto Del Bono

 

Vittoria di categoria anche per Tonino Panno: decimo tra gli assoluti e sempre più in palla, nonostante il grande carico di esercizio ed il crescente grado di difficoltà delle ultime uscite di stagione. Anche per lui la soddisfazione di essere riuscito a rintuzzare i continui rilanci dei suoi inseguitori, ai quali ha reagito con inesorabili cambi di passo che gli hanno procurato, specie nel corpo a corpo di inizio gara, un buon vantaggio, poi amministrato sino alla fine. Stesso esito favorevole anche per la speciale classifica del “Grande Slam” dove, grazie al punteggio incrementale di domenica, il terracinese ha ulteriormente consolidato la propria leadership, accreditandosi come prossimo campione provinciale UISP.

 

“Possono davvero sognare in grande questi ragazzi – sottolinea il presidente Egidio  Pagliaroli – perché vincere avversari così forti o prevalere su tracciati così difficili non è da tutti!  Loro amano correre e la corsa, che sa riconoscere la purezza di questo sentimento, li ricambia con i suoi favori, rinunciando di buon grado, di tanto in tanto, anche alla più generale delle sue regole: l’inclemenza!”.