L’Assessore Perroni e il treno


manifestazione per ferrovia. Anxur Time

L’Assessore alla Mobilità e Trasporti del comune di Terracina Emilio Perroni interviene con una nota sulla questione della tratta ferroviaria Terracina Fossanova interrotta da oltre due anni a causa della caduta di un masso dal Monte Cucca nei pressi del Frasso. L’Assessore è preoccupato per le ripercussioni che questo disagio potrà avere in vista dell’Expò e dell’imminente Giubileo annunciato alcune settimane fa da Papa Francesco. Senza un collegamento diretto con il treno Terracina rischia di essere fortemente penalizzata, ha detto Perroni, vedendosi ridotto l’afflusso di turisti. Il servizio navetta del Cotri organizzato dal Comune è indubbiamente insufficiente per le esigenze di una città di 45.000 residenti che arriva a 150.000 in estate, con una media da maggio a settembre di oltre 80.000 presenze giornaliere.

emilio perroni

Inoltre, se si pensa che da Terracina partono ogni anno 92.000 passeggeri per le isole Pontine, si comprende facilmente che il servizio sostitutivo in pulman dalla Stazione Ferroviaria di Terracina a quella di Priverno è oggettivamente inadeguato .

Salterà un’altra stagione estiva e una seconda parte di 2015 importante per il territorio tra Expò e Giubileo.

Perroni a questo punto dà ragione al consigliere comunale del PD Alessandro Di Tommaso che tempo fa aveva proposto realmente e non in maniera provocatoria come sembra in un primo momento, la realizzazione di una pista ciclabile sulla tratta ferroviaria Terracina –Priverno e puntare tutto su un aumento delle corse da Monte San Biagio a Roma magari con un intercity. Ma sarebbe una soluzione tampone , conclude Perroni, che non avrebbe niente a che fare con un collegamento diretto Terracina-Roma.

Share this post