LE FOTO – Lavori al cimitero, un milione e mezzo per rifare la struttura


Ha avuto luogo oggi, presso la Sala “F. Abbate” del Palazzo della Bonificazione Pontina di Terracina, la presentazione dei lavori di ammodernamento delle strutture del Cimitero Civico della nostra città, che avranno inizio la prossima settimana. Presenti all’incontro il sindaco Nicola Procaccini, il presidente del Consiglio Comunale Gianfranco Sciscione, l’architetto Pietro Zannella (incaricato esterno della vigilanza sui lavori), il direttore tecnico ingegner Marco Maruzzelli della ditta SAPA, e il geometra Alberto Leone, responsabile unico del procedimento, incaricato interno del Comune di Terracina. Nel corso della conferenza stampa sono state illustrate le opere di miglioramento che caratterizzeranno il restyling del cimitero di via Anxur: è prevista, infatti, la realizzazione di 60 cappelle gentilizie da 10 loculi ciascuna, 13 mezze cappelle da 5 loculi ciascuna, 168 ossari, 392 nuovi loculi per un totale di 1225. Il costo totale dei lavori è di circa 1.500.000 euro.
Altre opere di fondamentale importanza sono quelle che riguardano la realizzazione di un impianto fotovoltaico che garantisce la completa autonomia energetica della struttura, ingressi controllati elettronicamente, l’abbattimento delle barriere architettoniche, uno schermo digitale posto all’ingresso su cui sarà possibile consultare una mappa del cimitero con l’esatta ubicazione dei loculi digitando il nome del defunto. La ditta SAPA, aggiudicataria dei lavori previsti dal Bando di gara indetto nel settembre 2017, ha inoltre illustrato una proposta migliorativa per riqualificare l’area esterna del cimitero, in corrispondenza del settore interessato dalla realizzazione dei loculi, realizzando un’area di parcheggio a più livelli con 131 posti auto e circa 50 telecamere di videosorveglianza, in modo da garantire una maggiore fruibilità e sicurezza dell’area cimiteriale. Anche il cimitero di Borgo Hermada sarà interessato prossimamente da interventi che apporteranno notevoli migliorie alla struttura.

La soddisfazione del sindaco Procaccini: «La più grande ristrutturazione mai fatta»

“Nell’augurare buon lavoro alla ditta che dovrà realizzare questo progetto –  ha detto il primo cittadino Procaccini – mi preme sottolineare il fatto che questa sarà un’opera davvero imponente: il nostro cimitero monumentale è realmente antico, e questa è la più grande ristrutturazione che sia mai stata fatta per migliorare ulteriormente un’area che non è semplicemente un luogo dove pregare per i nostri cari che non ci sono più, ma è un’autentica opera d’arte. Uno dei cimiteri più belli d’Italia, di cui dobbiamo essere orgogliosi. Pertanto è nostro dovere intervenire dove è necessario un miglioramento e, al contempo, preservarne la bellezza. Sono fiducioso che, una volta conclusi i lavori di ristrutturazione, il nostro cimitero diverrà ancor di più un luogo di pregio per la nostra città. Ringrazio il presidente del Consiglio Comunale Sciscione, che ha sempre avuto a cuore le problematiche relative alla preservazione e alla fruibilità della struttura, profondendo grande impegno in favore del miglioramento della qualità dei servizi cimiteriali”.

Cerilli e Sciscione: «Nuovo cimitero, un atto per la dignità delle persone»

L’assessore ai Servizi Cimiteriali Barbara Cerilli esprime la propria soddisfazione in quanto “si tratta del primo grande restauro della struttura. Verranno riqualificati i settori e gli arredi deteriorati dal tempo per consentire ai cittadini una comoda fruizione. Sarà molto più agevole l’accesso anche a chi necessita di transitare all’interno con automezzi perchè impossibilitato a deambulare. L’autosufficienza energetica, completamente ecosostenibile, sarà un altro fiore all’occhiello”.
Il Presidente del Consiglio Comunale Gianfranco Sciscione ha sottolineato l’importanza di un intervento che “punta a migliorare il decoro e l’accessibilità di un luogo caro a tutti i cittadini. La nostra attenzione sarà alta sull’esecuzione a regola d’arte dei lavori perchè è desiderio di tutti che essi vengano svolti con il massimo della qualità. Non abbiamo motivi di dubitare di ciò, ma l’investimento è imponente e la dignità lo è ancora di più. Abbiamo il dovere morale e civico di garantire ai cittadini che già hanno versato una quota per la realizzazione delle cappelle che esse saranno disponibili in tempi relativamente celeri. Considero questo restauro una battaglia di civiltà che desideriamo vincere come città intera”.

 

Share this post