“L’elenco dei politici bugiardi”


“Si allunga l’elenco dei bugiardi – afferma Vittorio Marzullo, ex consigliere comunale di opposizione – Rispetto al mio precedente comunicato stampa vi è stato, non un intervento del Dott. Procaccini atto a smentire nei contenuti le mie affermazioni che portando fatti concreti a sostegno non erano ovviamente smentibili. Ma un intervento del portavoce cittadino di F.lli d’Italia Patrizio Avelli che, premetto, mi ha sempre fatto i complimenti per il modo approfondito e di merito con cui intervenivo in Consiglio e che lui dai miei interventi apprendeva cose che i suoi compari della maggioranza non gli dicevano, oggi invece, si guarda bene dal rispondere nel merito dei problemi da me sollevati, e rievoca i comunisti, riesumando gli anni 70, “ quando l’Italia era devastata dal furore ideologico” e degli esposti fatti che non producono nulla, tranne visibilità per il sottoscritto.
Sig. Avelli Patrizio, a proposito di insulti, le domando, chi ha rilasciato dichiarazioni alla stampa definendo gli avversari politici “ politicanti senza onore ne coraggio. Una città svenduta per interessi luridi come le loro coscienze” se non lo sa, è il suo capo, quello che le ha ordinato di rispondermi perché lui non ha le carte in regola per farlo. Quindi gli insulti non li ho fatti io, ma li ho subiti, e sono così paziente oggi da sopportare anche i suoi. Leggendo le sue dichiarazioni sono rimasto …. Molto meravigliato, in quanto lei non ha completato il suo pensiero, infatti si è dimenticato della rivoluzione d’Ottobre del 1917 e del fatto che nel dopoguerra in Italia i comunisti mangiavano bambini.
Allora ricominciamo dai problemi:
1) Con i verbali del Consiglio Comunale del 5 Maggio ho dimostrato che il Dott. Procaccini sapeva che il giorno dopo sarebbe stato sfiduciato.
2) Con quanto riferitomi da un Consigliere di Maggioranza posso dimostrare, in qualsiasi momento, della telefonata fatta ad un Assessore in carica, da un deputato che oggi fa parte della maggioranza di Governo, che il Dott. Procaccini è stato avvisato della sfiducia il giorno prima del Consiglio Comunale durante la riunione della maggioranza che si teneva in preparazione del Consiglio Comunale del giorno dopo sul bilancio.

3) Non rispondete sulle minacce subite da un Consigliere Comunale subito dopo il Consiglio Comunale mentre andava a casa, al fine di dissuaderlo dall’andare a firmare la sfiducia il giorno successivo.

4) La strumentale denuncia alla Magistratura per sapere cosa era successo dalla sera , dopo il Consiglio Comunale, alla mattina. E’ strumentale, questa si, per avere i titoli dei giornali, perché, come ho dimostrato prima, il Dott. Procaccini era già a conoscenza che sarebbe stato sfiduciato il giorno dopo. Qui si che non ha avuto nessun seguito la denuncia.
Per quanto attiene i miei esposti devo deluderla, poiché è di questi giorni la notizia che un Rappresentante della MUNUS, le ricordo è l’azienda che gestisce l’appalto del Tempio di Giove, sulla base di un mio esposto, e due dipendenti comunali, sono oggetto di un analitico esposto alla Corte dei Conti da parte della Guardia di Finanza, per gli impropri trattamenti di favore fatti alla medesima azienda a danno delle casse comunali. Proseguo ancora, che proprio per questo sto facendo opposizione alla richiesta d’archiviazione per i reati penali che vi si configurano e che la stessa Guardia di Finanza ha riscontrato nella violazione degli articoli 323 e 325 del c.p.
Altro ancora, forse pur essendo lei, allora, capogruppo del Partito del Sindaco, non si è accorto che un intero Consiglio di Amministrazione di una società partecipata ha dato le dimissioni, non ricordo se prima o dopo tali dimissioni è intervenuta la Guardia di Finanza denunciando loro ed il direttore.
Ecco questi, ex Consigliere Patrizio Avelli, sono alcuni dei risultati dei miei esposti, che come dimostrano non sono finiti, come da lei affermato strumentalmente, ne a tarallucci e vino, ne tantomeno cestinati dai riceventi.
Le dico l’ultima e chiudo, è risaputo da tutti che la Giustizia in Italia è lenta, e che di conseguenza, alcuni procedimenti sui miei esposti andranno a termine tra qualche anno, ma questo non l’abilita a perseguire le orme del suo capo e dire bugie.
Nonostante tutto, mi sento di affermare solidarietà, nei confronti dell’ex Consigliere Avelli Patrizio, poichè non vorrei essere al suo posto”.

Share this post