Lo Scorpione dorato, l’autrice Campeti presenta il suo nuovo libro


Domenica 9 agosto in piazza Municipio, all’interno dell’atrio del Comune, alle 21.30 la scrittrice romana Marika Campeti presenterà il suo nuovo romanzo “Lo scorpione dorato”.

L’evento patrocinato da Città di Terracina, è organizzato dalla pagina Sei di Terracina se. L’autrice, dopo il successo del romanzo “il segreto di vicolo delle Belle” che è stato tanto amato a Terracina, racconterà il suo legame con la città e i temi principali affrontati in questo suo nuovo romanzo, per la cui stesura si è avvalsa della collaborazione dell’Associazione umanitaria Support and Sustain Children, impegnata nei campi profughi turco siriani. 

A presentare l’autrice e il suo romanzo, il Prof. Daniele Vogrig.  Interverrà la presidente della Fidapa Bpw Italy sezione di Terracina Maria Grazia Coccoluto. 

La presentazione del 9 Agosto è la prima che vede impegnata l’autrice a raccontare questa nuova storia. “Non poteva essere altrimenti” ci racconta “Il mio amore per questa città, mi porta sempre qui. È da Terracina che voglio iniziare questo nuovo percorso. Proseguirò poi nel mese di agosto con altre presentazioni a Fondi e Gaeta.”

La trama del romanzo: 

Chiara, una donna dalla vita apparentemente perfetta, ha un malore e sviene in un Autogrill. Quando riprende i sensi, scopre nel parcheggio che la sua auto è vuota e la sua famiglia sparita. Parte da qui una ricerca da incubo dove le sue certezze crollano e la sua  mente si perde fra ricordi confusi, l’angoscia provocata dalla “voce di uno scorpione” che continua a parlare nella sua testa e da un senso di colpa di cui non riconosce la radice. Per cercare di ricostruire la sua vita, Chiara decide di impiegare il suo tempo aiutando gli altri e arriva in Turchia seguendo un’associazione umanitaria. La sua vicenda si intreccia con quella di Beyan, profuga curda con un passato di abusi e indifferenza, anche lei custode di un doloroso segreto. In un viaggio tra povertà e assenza di umanità di un campo profughi turco siriano, gli scenari maestosi della città di Istanbul si trasformano lungo il cammino in una distesa di polvere dove le due donne compiranno il loro destino, in un continuum tra presente e passato, fino alla scoperta della verità. Una storia sul coraggio femminile, sulla forza di ribaltare un destino di fallimento e dolore già scritto.

Share this post