Mia Terracina non ci sta. Nessuna collaborazione con il Terracina Calcio


logo terracina. anxur time

Vuoi vedere che il Terracina rischia di avere due squadre tra Promozione e Prima Categoria? Una ipotesi da non scartare del tutto dopo quello che è successo oggi. Colpi di scena a ripetizione. Il Terracina che opportunamente “cancella” Ugo Di Paolo e annuncia l’iscrizione al momento solo con il settore giovanile. Dall’altro canto la Mia Terracina Supporters Trust che rompe gli indugi e spezza il cordone ombelicale con il Terracina Calcio.

attilio saturno

Attilio Saturno

Tutto nasce dall’invito del duo Saturno-Varroni alla Mia Terracina Supporters Trust a partecipare nel pomeriggio di venerdì ad un incontro con l’ex Sindaco Nicola Procaccini, l’ex delegato allo Sport Francesco Zicchieri e l’avvocato Guglielmo Raso, legale del Terracina Calcio. Ma succede che, prima ancora delle riunione, in un post su un sito specializzato viene annunciato che la Mia Terracina Supporters Trust sarà al fianco del Terracina Calcio.

Una notizia che spiazza i vertici dell’associazione che decidono così di disertare la riunone. E’ rottura. Subito dopo arriva un comunicato stampa della Mia Terracina  che vi proponiamo ingtegralmente. “Il calcio nasce per essere un gioco semplice, pulito e inclusivo. Questa è la filosofia che deve essere rispettata. Dentro il rettangolo verde e sopratutto fuori. Oltre il 90esimo.

Antonio Vallone, Presidente Mia Terracina Supporters Trust. Anxur Time

Antonio Vallone, Presidente Mia Terracina Supporters Trust

MiaTerracina, a seguito delle dichiarazioni ufficiali rilasciate dall’amministratore unico Varroni ( http://gazzettaregionale.it/…/terracina-parla-l-ad-jennifer…) intende smentire le sue parole riguardo la certezza che l’associazione continuerà a sostenere ed affiancare la società da lei rappresentata.

jennifer varroni

Jennifer Varroni

Essere messi davanti al fatto compiuto non fa altro che avvalorare l’idea che a questa società “tutto è dovuto”, che ogni azione e sostegno espresso in loro favore durante le stagione sportiva era scontato.

Al contrario, la fiducia va guadagnata così come il rispetto. NOI come associazione ci siamo stati, nonostante tutto. Ma non questa volta. Non vogliamo essere strumenti di un salvataggio improbabile perché non c’è altro da salvare se non il nome di questa squadra che può rinascere con nuovi protagonisti.
MiaTerracina vuole un calcio diverso, nuovo, sano.

Tutto è molto più semplice di come sembra. Unica la soluzione: il fallimento senza compromessi per RICOMINCIARE A MODO NOSTRO”. La Mia Terracina insomma va avanti da sola.

Intanto, in una intervista rilasciata a Lazio Tv (in onda sabato nei tg), l’avvocato Raso conferma l’iscrizione del settore giovanile. Per la prima squadra si vedrà nei prossimi giorni cosa proporrà la Lega.

Share this post