Nuovi impianti di illuminazione, torna la luce nei parchi e in periferia


Un passo alla volta, si cercherà di sistemare anche l’impiantistica della pubblica illuminazione. Operazione tutt’altro che facile ma che, insieme alle condizioni dell’asfalto lungo le strade di Terracina, è tra i punti essenziali del programma dell’assessorato alle Opere pubbliche rappresentato dal delegato Luca Caringi. E oggi è lo stesso Caringi a cantare vittoria perché, per utilizzare le sue parole, «anche questa è fatta». Nel 2016, quando ottenne la delega – racconta – c’era un buco di un milione di euro di danni alla pubblica illuminazione. Colpa del degrado, di mancata manutenzione, ma anche a causa dei furti di cavi di rame. Tra le zone più colpite parchi pubblici e strade di periferia, rimaste al buio per parecchio tempo. «Ma è di questi giorni – afferma soddisfatto Caringi – la sistemazione e la messa in sicurezza con un nuovo impianto del parco dell’area Chezzi e della riattivazione di 35 punti luce nella zona delle Mole, di Pontalto e di via Consolare. Continuiamo a lavorare, ne abbiamo di cose da fare».

Share this post