Obi e pronto soccorso, Barboni: «Obiettivo raggiunto per impegno condiviso»


“Esprimo grande soddisfazione a nome dell’Amministrazione Comunale, per il via libero definitivo alla realizzazione dell’Osservazione Breve Intensiva e il rafforzamento del Pronto Soccorso presso l’ospedale “Alfredo Fiorini” di Terracina. Si tratta di strutture importantissime per tutto il comprensorio e per l’intera sanità Pontina”. Con queste parole la delegata alla Sanità del Comune di Terracina, Maurizia Barboni, saluta la delibera della ASL di Latina che sblocca la situazione. “Proprio due giorni fa ho sentito il dottor Casati che mi ha preannunciato l’esito positivo delle due vicende. Desidero ringraziare il Direttore Generale con il quale il dialogo è rimasto sempre aperto, il sindaco Procaccini che in questi due anni ha seguito l’evolversi della situazione intervenendo a più riprese per sollecitarne la rapida soluzione a tutela dell’interesse dei cittadini. Un sincero ringraziamento va anche al Comitato Pro Ospedale che ha svolto con grande puntualità il ruolo di pungolo nei confronti delle istituzioni, rappresentando quell’impegno civico di cui è lodevole interprete. Ai sei posti dell’Obi – prosegue la delegata – e a un Pronto Soccorso più adeguato alla mole di lavoro che è chiamato a svolgere si aggiunge la stabilizzazione di un medico ortopedico, altra ottima notizia che testimonia l’impegno da parte di tutte le parti in causa e che fa guardare con maggiore fiducia e serenità al futuro della sanità del nostro territorio. Non si può dire di aver risolto tutte le criticità perché altre ne rimangono, ma rincuora sapere che l’impegno serio alla fine paga. Auguro buon lavoro a tutto il personale ospedaliero il cui senso del dovere è encomiabile”. Maurizia Barboni conclude il suo intervento ricordando un altro servizio sanitario, stavolta erogato dal Comune in collaborazione con l’Associazione Medica Terracinese e le Infermiere volontarie dell’Ispettorato di Latina, che ha ottenuto lusinghieri risultati: si tratta dell’Ambulatorio Medico Turistico, il servizio attivo nei mesi di luglio e agosto capace di erogare circa duemila prestazioni. “Siamo molto soddisfatti anche di questa che riteniamo un’ottima iniziativa. Siamo in attesa dei dati definitivi, ma i circa duemila accessi registrati confermano che si è riusciti nell’intento di consentire l’accesso alle prestazioni senza gravare ulteriormente sul Pronto Soccorso ospedaliero, già oberato di lavoro. Puntiamo a migliorare il servizio ogni anno in base all’esperienza, ma rappresenta una buona base su cui proseguire per garantire serenità ai tantissimi ospiti che arrivano a Terracina durante l’estate”.

Share this post