Ombrelloni e sdraio non in regola, intervento della Capitaneria


Sequestrato nei giorni scorsi un vero e proprio stabilimento balneare abusivo sul litorale di Terracina, da parte dei militari della Guardia Costiera.

Deferito alla magistratura il titolare di una delle Convenzioni rilasciate dal Comune di Terracina, previste dall’art 7 del Regolamento Regionale 19/2016, che sfruttava il possesso della stessa per esercitare in realtà l’attività di stabilimento balneare senza averne titolo.

La Convenzione è di fatto un accordo, purtroppo a volte disatteso, tra il privato e l’Ente Locale, al solo fine di assicurare, a titolo gratuito ed a vantaggio della collettività, servizi di assistenza e di salvataggio oltre che igienici e di pulizia sulla spiaggia, nonché la realizzazione di percorsi per la fruizione dell’arenile da parte di persone diversamente abili anche attraverso la fornitura di attrezzature specifiche.

Questa forma di servizio sulle spiagge libere, vieta tassativamente il pre-posizionamento di attrezzature balneari quali lettini, sdraio e ombrelloni – prerogativa solo degli stabilimenti balneari – che precludono la libera fruizione degli arenili. Purtroppo quest’ultima prescrizione viene spesso elusa, con i cittadini che sollecitano l’intervento del personale della Guardia Costiera.

L’area in questione è risultata già dalle prime ore del mattino completamente attrezzata con ben due file di ombrelloni, lettini e sdraio che occupavano un fronte mare di 100 metri lineari, per un’area complessiva di circa 500 mq.

Share this post