Ospedale in apnea, il comitato chiama in causa il sindaco


Si intensifica il pressing del comitato pro ospedale di Terracina in vista dell’estate. Al centro dell’iniziativa dell’associazione c’è sempre il potenziamento della struttura sanitaria di via Firenze. Lunedì 14 maggio il comitato ha avuto un confronto col sindaco Nicola Procaccini e con la consigliera delegata alla Sanità Maurizia Barboni. Dal faccia a faccia sono emerse le preoccupazioni del comitato in difesa del “Fiorini”. Tensioni dovute alla carenza di anestesisti, di medici ortopedici e alla mancanza del responsabile dell’unità operativa di Medicina.

L’incontro con Procaccini: impegno del Comune

Nicola Procaccini, sindaco di Terracina

Nicola Procaccini, sindaco di Terracina

Ad aumentare la preoccupazione l’ormai imminente arrivo della stagione estiva, con tutto quello che ciò significa dal punto di vista dell’utenza e del suo aumento a causa dei flussi turistici sul litorale. «È stato fatto presente – scrive il comitato  – il grave ritardo ad espletare la gara d’appalto per dare inizio ai lavori, dopo l’approvazione del progetto da parte della Asl, di ampliamento la ristrutturazione del pronto soccorso per l’istituzione dell’OBI, con  sei posti letto, del finanziamento concesso dalla Regione Lazio di 674mila euro». Atti che risalgono a più di due anni fa.

Tale situazione, nonostante le continue pressioni esercitate dai rappresentanti comitato con lettere e incontri avuti con il Direttore Generale e sanitario della Asl ritardano ad essere risolti. I rappresentanti del comitato, dopo avere illustrato la grave situazione in cui si trova l’ospedale di Terracina per i problemi, hanno chiesto al sindaco e alla delegata alla sanità, di intraprendere le necessarie iniziative per sollecitare gli organi della Asl a risolvere i suindicati gravi problemi non più rinviabili in cui si trova l’ospedale di Terracina.

Procaccini si è quindi impegnato a chiedere un incontro con il direttore generale della Asl per sollecitarlo a risolvere in tempi brevi la grave carenza di personale e di dare inizio ai lavori per l’ampliamento e adeguamento del pronto soccorso per l’istituzione dell’Osservazione breve. I rappresentanti del comitato, fino a quando non saranno risolti i gravi problemi in cui si trova l’ospedale di Terracina, continueranno ad intraprendere le necessarie iniziative a tutti i livelli istituzionali, le associazioni e i cittadini.

Share this post