Pallavolo Futura Terracina ’92: Cuore, tecnica e carattere, i segreti del primato


Pallavolo Futura Terracina '92. Anxur time

Se batti per due volte la corazzata Civitavecchia (3 a 1) e sei in testa al Campionato dall’inizio della stagione, allora vuol dire che meriti di giocarti la promozione fino in fondo. Che sia diretta o attraverso i play off.

PalaCarucci, Pallavolo Futura Terracina '92. anxur time

La Pallavolo Futura Terracina ’92 ha tirato fuori dal cilindro sabato scorso una prestazione maiuscola, una delle tante di questa stagione, che assume ancor più valore perchè conseguita contro la seconda (ora terza) forza del girone A di Serie C. In una cornice di pubblico degna di questo evento, le futurine targate Lazio Tv hanno illuminato il PalaCarucci consapevoli che questa gara rappresentava una tappa fondamentale per proseguire la cavalcata.

Il 25 a 9 del primo set ha confermato il grande approccio alla gara delle ragazze di Max Leonardi. Ma era evidente che Civitavecchia non poteva certo restare a guardare e, nonostante la sconfitta anche nel secondo parziale, ha rimesso le cose a posto riaprendo la contesa. Ma la “fame” delle padrone di casa è stata imponente, praticamente un pozzo senza fondo. Il 3 a 1 è stata la logica conseguenza di quanto visto in campo, anche se va detto che il valore tecnico delle avversarie resta intatto.

Sara Vanno (Pallavolo Futura Terracina '92). Anxur Time

E adesso? Tutto come prima, fanno sapere dall’enturage della società. Scavalcato un duro ostacolo, all’orizzonte eccone un altro. Domenica a Palombara non sarà facile. Un turno di campionato (terza giornata del girone di ritorno) che sempre domenica in serata metterà di fronte Civitavecchia e Rieti, altro spauracchio di questo Campionato, probabilmente la squadra più forte dell’intero panorama della Serie C.

La formazione sabina è seconda dietro la Futura Terracina di soli tre punti. Le terracinesi hanno dimostrato di saper soffrire. Difficile stabilire una scala di meriti. Tutte le ragazze si sono espresse su ottimi livelli. E soprattutto va detto che la partita tatticamente è stata preparata in ogni minimo dettaglio. Ma la strada è ancora lunga…

Share this post