Palmacci: “Stangata di Acqua Latina in tempi di coronavirus”


La prossima fattura di Acqua Latina relativa al periodo 10 marzo – 10 giugno 2020 la cui emissione è prevista per questi giorni, periodo questo coincidente con il Coronavirus che ha visto congelate nelle proprie abitazioni migliaia di famiglie, genitori – figli e nonni compresi, ha portato come logica conseguenza un maggiore consumo di acqua.
Pertanto quasi tutte le famiglie, che normalmente consumavano 40 MC di acqua per trimestre, in questo trimestre 10 marzo – 10 giugno ’20 attraverso la lettura del proprio contatore potranno rilevare per questo periodo un consumo quasi doppio pari circa 70 – 80 MC – scrive in una nota Arcangelo Palmacci
di Terracina in Azione – Movimento Civico “Insieme a Te” – Prima del 2016 per ogni famiglia veniva applicata da Acqua Latina una tariffa agevolata fino a un consumo trimestrale 24 M.C. per poi, per i consumi eccedenti, venivano applicate tariffa base e tariffa di eccedenza con importi diversi in base agli aumenti di consumo di acqua rilevata..
In seguito a tale periodo a seguito della conferenza dei Sindaci della Provincia di Latina, la tariffa agevolata viene applicata per un consumo trimestrale di appena 8 M.C. con una riduzione di 16 M.C. rispetto agli originari 24 M.C.
Quindi dagli 8 M.C. tutti i consumi eccedenti sono entrati dalle tariffe agevolate e tariffa di eccedenza con incredibili aumenti rispetto alla situazione precedente.
In questo trimestre di Coronavirus, in cui le famiglie sono rimaste chiuse nelle proprie abitazioni, il maggior consumo di acqua che ne è scaturito provocherà un incredibile aumento dell’importo delle fatture di Acqua Latina di prossima emissione.
La conferenza dei Sindaci della nostra provincia ha un ruolo caratteristico all’interno di Acqua Latina, e, ci aspettiamo da loro un atto di responsabilità per il ripristino della reintroduzione della tariffa agevolata per i primi 24 M.C. di acqua consumata in ogni trimestre quanto meno prevedere per questo trimestre la possibilità di un pagamento rateizzato visto l’importo e le difficoltà economiche di molte famiglie della nostra provincia”.

Share this post