Parchi comunali, la gara per la concessione è un disastro. Due lotti deserti


area chezzi

Nuova vita per i parchi comunali, mezzo flop per l’aggiudicazione delle aree verdi in comodato d’uso. Requisiti troppo stringenti? Menefreghismo delle associazioni? Condizioni poco vantaggiose? Forse c’è un po’ di tutto nella débacle registrata dal Comune nell’iter di affidamento dei giardini pubblici della città. Attraverso una triplice procedura, l’ente ha provato a concedere la gestione dei parchi delle Città gemellate, di via Bachelet e l’area Chezzi. Un’iniziativa, questa, con cui si è almeno provato a dare un impulso di partecipazione nella gestione di un bene collettivo. È andata bene? Macché.

Come riportato nella determinazione 691 del settore Gare e contratti, entro la data di scadenza di presentazione delle domande, si è fatta avanti soltanto un’associazione, limitatamente al parco dell’area Chezzi. Deserte, invece, le gare per il parco delle Città gemellate e per quello di via Bachelet. Nessuna offerta. Registrato il flop dell’iniziativa, la commissione preposta a valutare le varie offerte ha formulato la proposta di aggiudicazione alla sola associazione presentatasi, cioè la Protezione civile, nucleo operativo di soccorso con sede in via Appia antica.

Share this post