Pedagnalonga, cuore e passione: c’è anche la beneficenza


A una settimana dallo straordinario successo della Pedagnalonga, la kermesse sportiva conosce una splendida coda sociale. L’edizione numero 45 del tradizionale evento di Borgo Hermada, infatti, si conclude con un record di presenze e con un’importante iniziativa di beneficenza. A riferirlo sono gli stessi organizzatori.

Aspetti da migliorare, si pensa già all’edizione del prossimo anno

«Come al solito – fanno sapere – ci abbiamo messo cuore e passione e siamo felici del risultato che abbiamo ottenuto, già le impressioni a caldo erano state molto positive, ora a distanza di qualche tempo possiamo dire che le cose sono andate come ci aspettavamo e questo, è bene dirlo, grazie alla grande disponibilità di tutti i volontari che hanno dato un contributo importante e anche alla gente del Borgo che ha accolto a braccia aperte il pubblico arrivato in massa anche da fuori regione». Pasqualino Sicignano e Albino Marostica, presidenti dell’associazione La Pedagnalonga e dell’Atletica Hermada, che organizzano l’evento aggiungono che c’è la volontà di migliorare alcuni aspetti dell’evento. “«Abbiamo notato alcuni dettagli che proveremo a migliorare, alcuni angoli che proveremo a smussare per rendere ancora più gradevole la Pedagnalonga e in questo riprendiamo le parole del Sindaco di Terracina Nicola Procaccini che ha definito questo evento, che si svolge senza interruzioni da ben 45 anni, un vero e proprio monumento della nostra zona».

Il grande cuore della Pedagnalonga: donati gli alimenti non utilizzati

Come ogni anno la Pedagnalonga poi ha avuto una splendida coda sociale visto che buona parte delle derrate alimentari non utilizzate sono state donate a tre associazioni che operano con persone meno fortunate nella zona di Terracina. “Inutile fare i nomi, tanto i destinatari di questo piccolo gesto sanno chi sono e a noi basta questo per riempirci il cuore”. Gli organizzatori, in occasione dell’evento, hanno invitato anche i membri dell’associazione Avatar di Borgo Hermada e quelli di Rete Solidale di Terracina.

Share this post