Percorsi di cibo sano, la “ricetta” di due terracinesi


Una rassegna prestigiosa in un palcoscenico mondiale. Il presidente dell’associazione “Percorsi”, Carmela Veltro, assistita da Mario ed Enrica Sacco, Aldo Esposito e Gaetano Vassallo ha presentato all’Expo milanese il progetto sulle origini del nutrimento, ponendo l’accento sui valori nutrizionali ed energetici dei cibi che giornalmente mangiamo.

L’esposizione – incastonata  tra l’albero della vita e il Padiglione Italia – ha esaltato le prelibatezze e le eccellenze campane, sia culinarie che paesaggistiche. Foto, video,musica e slide hanno “illuminato” il Padiglione irpino valorizzando il corretto uso dell’alimentazione, partendo da analisi e studi di esperti di fama internazionale.

La nostra esperienza all’Expo milanese è stata al tempo stesso emozionante e gratificante – dichiara Mario Sacco, giovane neolaureato co-protagonista del progetto. “ L’obiettivo di focalizzare l’attenzione sull’alimentazione partendo dalla più tenera età,  ci ha consentito di evidenziare i principi fondamentali per la crescita funzionale del bambino – prosegue Sacco, che rimarca l’importanza della dieta mediterranea nello sviluppo fisico e psichico dell’essere umano.

Un lavoro di squadra finalizzato ad ampliare i propri orizzonti, professionali e scientifici. “A Settembre riproporremo di nuovo l’identico programma, arricchendo la nostra attività con un processo di internazionalizzazione che vedrà l’inaugurazione di una nuova sede estera in Albania, a Tirana”.

Dal successo dell’Expo alla seconda edizione del convegno “Attiva…Mente”. Il passo è breve, ma la strada intrapresa appare la stessa. “Abbiamo già diversi progetti regionali approvati, che aspettano solo di essere tirati fuori dal cassetto per offrire a soggetti disoccupati nuove professionalità e un adeguato inserimento lavorativo – sottolinea con orgoglio il rampante ricercatore.

Una rassegna di respiro globale, che approfondisce il rapporto tra il fisico e la mente. Il futuro racchiuso in abitudini e regole che partono dalla tavola. E dall’attività motoria. “L’educazione alimentare viaggia di pari passo con quella sportiva. Sono due elementi imprescindibili che riempiono ogni spazio della nostra vita, segnando la differenza e la linea di demarcazione tra una nutrizione sana e una inadeguata – chiosa Mario Sacco.

 

Share this post