“Piano Parchi Urbani”, una priorità dell’Assessore Zappone


Barbara Longarini, Barbara Percoco, Anna Palumbo e l'Assessore Emanuela Zappone. Anxur time

La città di Terracina non ha un “Piano Parchi Urbani”, ed è questa una delle priorità dell’Assessore all’ambiente Emanuela Zappone; uno strumento importante di cui il comune di deve dotare. E’ questo l’esito dell’incontro che l’Assessore ha avuto con alcuni membri dell’associazione cittadina “Comitato di Quartiere Parco Città Gemellate”.

parco città gemellate. anxur time

Il Presidente Barbara Longarini, Anna Palumbo, avvocato e vice Presidente e il tesoriere Barbara Percoco, hanno chiesto maggiore sensibilità nei confronti de parco che costituisce una area verde nel pieno centro della città. Si potrebbe iniziare con l’arredo urbano, quindi dotare il parco di panchine nuove, arricchire il parco giochi e delimitare una zona per gli  amici a quattro zampe; presto verranno posizionati dei raccoglitori per le deiezioni degli animali e sono stati chiesti, inoltre, più lampioni. Infatti, ci sono delle zone del parco, quelle meno illuminate, dove di notte i residenti hanno notato uno strano viavai, sono state trovate delle siringhe proprio vicino all’area giochi, insomma un restyling del parco che rappresenta l’ingresso nord della città.

L’assessore Zappone dal canto suo nei giorni scorsi ha incontrato le diverse associazioni attive sul territorio: WWF, Legambiente, Agenda 21 , Rifiuti Zero, rimarcando la necessità del comune di Terracina di dotarsi di un  “Piano Parchi”, uno strumento importante che consente di migliorare la funzionalità delle aree verdi, di favorire le modalità della sua gestione, di consentire una razionale pianificazione degli interventi e di estensione delle aree verdi urbane.

parco città gemellate. anxur time

Il Comitato di Quartiere Città Gemellate vuole collaborare con l’amministrazione al fine di migliorare la qualità di tutta l’area, e per questo sta  organizzando diverse iniziative rivolte perlopiù ai bambini con lo scopo di raccogliere qualche contributo per migliorare la vivibilità del parco (caccia al tesoro, lezioni di fitness e momenti di festa). Il prossimo appuntamento è per domani sera alle 20.30 con il CoderDojo, dedicato ai bambini dai 7 ai 14 anni, che impareranno ad utilizzare un semplice linguaggio di programmazione per creare storie di animazioni e giochi, una sorta di lezione di informatica cielo aperto in cui bambini dovranno portare un computer portatile.

Share this post