Pista ciclabile, il 5 aprile la consegna dei lavori


viabilità

L’Assessore ai Lavori pubblici di Terracina Pierpaolo Marcuzzi fa il punto della situazione in merito ai lavori di allestimento della pista ciclabile su Viale Circe, lato mare. La pista ciclabile sarà a livello della sede stradale, avrà un manto di asfalto compatto idoneo alle piste, sarà di colore azzurro e a doppio senso di marcia, con una larghezza di 2,50 metri e sarà divisa dalla sede stradale da un cordolo largo 50 centimetri.

Il lungo mare sarà a senso unico dalla pineta fino a via Friuli Venezia Giulia, da lì alla 26^  traversa sarà a doppio senso.

In un breve tratto fra via Friuli Venezia Giulia e via Mayrofen la pista sarà larga 2 metri.

In tutto il lungomare, dalla pineta alla 26^ si potrà parcheggiare sul lato monte.

In questi giorni si sta delimitando l’area cantiere con dei birilli e una striscia continua gialla, lasciando agli automobilisti uno spazio sul lato monte di 2,10 metri per parcheggiare ed una corsia minima di 3 metri per il senso di marcia, poi finiti i lavori la corsia si allargherà di circa 60 centimetri dalla pineta a via Friuli Venezia Giulia.

Per l’inizio della prossima settimana sono previsti i lavori di scarificazione e rifacimento del tappeto per la metà del  tracciato della pista.

Dal 16 Marzo inizieranno i lavori di segnaletica e posizionamento dei cordoli, quindi entro il 5 Aprile che coincide con il fine settimana della Santa Pasqua sarà consegnato  almeno un terzo del tracciato a partire dalla Pineta.

Pierpaolo Marcuzzi

L’Assessore Pierpaolo Marcuzzi

Prima della stagione estiva saranno ultimati anche i lavori a piazzale Lido, quelli degli Accessi al mare e tutta la pista, inoltre verranno asfaltati i punti più deteriorati del lungo mare e del tratto di viale Europa a doppi senso.

Ci saranno meno parcheggi sul lungomare, ma allo stesso tempo ce ne saranno molti  di più nelle traverse diventate a senso unico e sul tratto di Viale Europa anch’esso a senso unico, oltre ai centinaia di parcheggi realizzati  in zone appena riqualificate distanti appena un centinaio di metri dal litorale.

Share this post