Podistica Terracina, buona la prima


podistica terracina a monte san biagio. anxur time

Ottimo esordio stagionale per i ragazzi della “Podistica Terracina”, impegnati nella prima uscita di questo 2018: un anno dal profilo certamente impegnativo, ma già iniziato con lo spirito giusto. Non era facile, dopo avere chiuso una stagione così ricca di soddisfazioni, come lo è stata quella appena trascorsa, riprendere subito forte. Ma gli atleti della storica società tirrenica sono abituati alle grandi sfide e proprio domenica scorsa lo hanno dimostrato, con la consueta grinta, nella loro prima trasferta: la 20^ edizione della “Corriamo a Monte San Biagio”.

Gli oltre 400 avversari non hanno intimorito affatto Tonino Panno, campione provinciale UISP in carica, che non ci ha messo molto a mettere in fila, uno dietro l’altro, i suoi rivali diretti, aggiudicandosi in scioltezza la prima posizione di categoria e chiudendo anche con lo strepitoso tempo di 44:46.

Il Presidente Egidio Pagliaroli

Sempre nel solco dell’eccellenza anche la prestazione di Agostino Maragoni – il decano degli agonisti terracinesi in attività – che, al termine di una gara tiratissima, è andato a prendersi con autorità la terza posizione. La sua costanza è ormai proverbiale e il suo esempio è visto da tutti con sincera ammirazione.

Appena fuori dal podio Emilio De Fabritiis, atleta di grande esperienza e scrupolosità, che anche quest’anno guarda alla vetta della classifica con motivata convinzione, forte anche del titolo provinciale UISP conquistato nel 2016.
Nella top ten del rispettive categorie Alessandro Quadrino e Bruno Droghei: due veri combattenti, separati da una rilevante differenza anagrafica, ma accomunati entrambi dal medesimo, splendido spirito sportivo.
Sullo sfondo, naturalmente, anche le ottime prestazioni di Valentino Masci e Paolo Sessa – sotto la linea del traguardo a testa alta e a pochi secondi l’uno dall’altro – e la bella prova di coraggio del solito Silviano Valenti (alias “Ganciaro”).

“È questo il giusto abbrivio – sottolinea il presidente Egidio Pagliaroli – per dare alla stagione appena iniziata il taglio migliore. Non è solo la saggezza popolare a riconoscere i meriti di chi ben inizia, è anche la logica della competizione a dare a coloro che partono forte una chance in più: i nostri atleti questo lo sanno bene e il buon lavoro fatto a Monte San Biagio ne è la conferma!”.