posizioni organizzative, la mozione di marzullo


 

Oggetto: Mozione con richiesta di annullare della delibera di Giunta n. 186 del 18 Luglio 2014 in quanto adottata in assenza del parere di regolarità contabile.

 

 

Leggendo la delibera di Giunta n. 186 del 18 Luglio 2014, avente ad oggetto: Presa d’atto e approvazione tabella retributiva provvisoria Posizioni Organizzative / Alta Professionalità, il sottoscritto, Consigliere Comunale, rileva alcune incongruenze quali:

 

  1. A) Mentre la premessa della delibera ad un certo punto recita, Visti i pareri di regolarità tecnica e contabile della proposta di deliberazione, resi dai responsabili dei rispettivi servizi, la prima pagina della Delibera, nello spazio in cui va riportato il parere di regolarità contabile, questa risulta essere sbarrata sul nome della Dott.ssa Ada Nasti, che appunto, avrebbe dovuto dare uno dei due pareri necessari alla regolarità contabile.

 

  1. B) Leggendo sempre la delibera oggetto della presente mozione, si evince che il parere di regolarità tecnica è espresso dal segretario comunale Dott. Marco Raponi e non dal Dirigente responsabile del personale Dott. Giancarlo De Simone.

 

  1. C) Si legge ancora nelle premesse della delibera, facendo riferimento al verbale n. 58 del 10 Luglio 2014 dell’Organismo Interno di Valutazione, che il fondo per il pagamento delle somme approvate, non è stato ancora deliberato, senza che sia ancora approvato il fondo come è possibile deliberare lo stanziamento delle somme? Lo stesso O. I. V. si legge sempre nella delibera, ritiene vincolante per lo stanziamento delle somme, la preventiva approvazione del fondo.

 

Sta forse in questo il fatto che ha impedito alla Dott. ssa Nasti ed al Dott. De Simone di apporre la propria firma sulla delibera?

 

Al di là di ogni, seppur opportuna, valutazione politica, sul fatto che si erogano 257.000 Euro alle posizioni organizzative ed alle alte professionalità, aumentando anche gli importi dello scorso anno di ben 11.000 Euro circa,  tra le quali vi sono figure che sicuramente non dovrebbero rientrare dentro quel calderone, in cui sono chiari i connotati clientelari, ed al fatto che ( scusate la cinicità ) ma lo faccio solo per dimostrare la vostra sciatteria nell’amministrare questa città, che date i soldi anche ai morti,  vi è comunque un vizio di legittimità che dal mio punto di vista obbliga il Consiglio Comunale ad intervenire.

 

Pertanto, alla luce di quanto sopra, chiedo al Consiglio Comunale, nell’ambito dei poteri assegnatogli dal TUEL, quello dell’esercizio dell’attività di controllo sugli atti amministrativi, di chiedere alla Giunta di annullare la delibera  di Giunta n. 186 del 18 Luglio 2014, in quanto adottata in assenza del parere di regolarità contabile.

 

Il Consigliere Comunale

Vittorio Marzullo

 

Share this post