Procaccini-Sciscione, scoppia la pace a cena. Ricucito lo strappo in maggioranza


Altro che scissione in maggioranza, lo scossone Lega si è trasformato in un nulla di fatto. La pace è stata sancita davanti a un piatto con le gambe sotto il tavolo di un ristorante nella periferia di Terracina. A suggellare la serenità ritrovata, una foto immediatamente finita sui social network. Tutta la maggioranza al completo, col sindaco Procaccini in testa, ha discusso del rilancio del territorio. A cena anche Gianfranco Sciscione e il suo gruppo consiliare, con Domenico Villani e Andrea Bennato. I quali, dopo aver ufficializzato il passaggio alla Lega con tanto di conferenza stampa nei giorni scorsi, confermano il proprio appoggio al governo cittadino.

Chi pensava a un’imminente sconfitta di Procaccini, quindi, deve rivedere le sue supposizioni. La maggioranza, all’indomani del voto del 4 marzo e delle tarantelle politiche, è la stessa identica dei mesi scorsi. Stessi equilibri, stessi assessori, nulla cambia. Al di là dei balletti e dei cambi di casacca.

L’annuncio urbi et orbi della pace scoppiata di nuovo in casa Procaccini è arrivata su Facebook per voce del consigliere Andrea Bennato, uno tra i primi ad annunciare il passaggio nella Lega solo una manciata di giorni fa. «La lealtà e l’amore per la città fanno la differenza» scrive a commento della foto postata sul suo profilo social. «Uniti si può. Forza Terracina». Bisognerà adesso capire come l’abbia presa il coordinatore regionale della Lega e neo eletto deputato Francesco Zicchieri, in posizione di ferma opposizione rispetto a Procaccini. E che conseguenze avrà questa decisione sul direttivo della Lega, col responsabile locale Giancarlo Zaratti che pure si è sempre mostrato contrario alla giunta.

Share this post