Professionale Filosi, successo del Progetto “Intorno alla tavola del mondo”


progetto alimentare Filosi. Anxur time

Nella mattinata di ieri si è tenuta la  tappa conclusiva del Progetto di Alternanza Scuola /Lavoro dal titolo “Intorno alla tavola del mondo”, organizzata dall’Istituto Professionale “Filosi”  di Terracina e che ha visto coinvolti gli studenti degli indirizzi  Servizi Socio – Sanitari e Alberghiero , i bambini delle Scuole Elementari “Lama ”, “Manzi” e “G.Paolo II”,i loro docenti, le famiglie, i dirigenti. Il  progetto  di Alternanza proposto, ha ricevuto finanziamenti dal Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca attraverso l’Ufficio Scolastico Regionale del Lazio, essendo l’Istituto “Filosi” risultato tra le prime scuole premiate per il miglior Progetto Formativo Scuola /lavoro.

La figura professionale proposta dai docenti Giangaspero, Venditto, Zegarelli è quella del “neuro gastronomo”.

Tale idea progettuale  è nata dalle sollecitazioni, provenienti da più parti, di offrire agli studenti tutti gli strumenti possibili per costruire un progetto di vita che permetta di proseguire gli studi o inserirsi costruttivamente nel mondo del lavoro utilizzando a tal riguardo il Progetto Scuola sottoscritto tra EXPO 2015 e il MIUR dove ci sono tra i sottotemi proposti : innovazione della filiera agroalimentare; educazione alimentare; alimentazione e stili di vita; cibo e cultura.

La Preside del Filosi, Anna Maria Masci

La Preside del Filosi, Anna Maria Masci

La figura del “neuro gastronomo” parte dal presupposto che le preferenze o le avversioni non sono innate come la sensibilità della lingua, ma sono influenzate da fattori sociali, dalla nostra cultura culinaria e quindi dalle nostre abitudini alimentari. La finalità del progetto è stata quella di educare al gusto, al sapore, al mangiare bene senza prendere peso.

Gli obiettivi perseguiti in particolare sono stati quelli di conoscere gli alimenti, educare alla cultura della tradizione mediante il confronto con le generazioni precedenti, dare valore al cibo stimolando la memoria gustativa, stimolare il passaggio delle nuove generazioni dal fast food allo slow food e incoraggiare  il dialogo tra i protagonisti della comunità internazionale  per proporre nuove soluzioni in grado di tutelare la biodiversità del pianeta.

Giuseppina Di Cretico, IC Milani.Ancur Time

Giuseppina Di Cretico, dirigente IC Milani

 

Il Progetto è iniziato nel mese di gennaio attraverso una fase di sensibilizzazione, orientamento e valorizzazione delle vocazioni personali degli alunni; successivamente gli studenti hanno svolto un percorso teorico/formativo  condotto da docenti interni su temi riguardanti le esperienze di piacere quali wanting (desiderio) e liking (apprezzamento); sulle qualità degli alimenti e le abitudini alimentari legate al sistema olfattivo neuronale. In un  secondo momento gli alunni delle classi Quarte dell’indirizzo Servizi Socio Sanitari hanno condotto lezioni  attraverso stage formativo di 15 giorni nelle classi Terze delle diverse scuole Elementari dell’ IC “ Don Milani” il cui dirigente è la prof.ssa Di Cretico.

Una volta concluso il primo step, i bambini delle scuole elementari suddivisi in diversi gruppi e in giorni differenti, si sono recati nelle cucine dell’Istituto “Filosi” accompagnati dai loro insegnanti,  dove,  coadiuvati dai docenti di cucina e Scienze dell’alimentazione hanno potuto osservare la  preparazione di  diverse pietanze e hanno loro stessi partecipato attivamente alle diverse fasi applicative.

 

Il percorso si chiuderà con la partecipazione degli studenti all’EXPO 2015 nel periodo 18- 20 maggio.

 

Share this post