Progetto per valorizzare il Parco della Rimembranza, Agenda 21 c’è


L’associazione ambientalista Agenda 21 partecipa al bando per la valorizzazione dei luoghi di cultura della città. «Il parco archeologico-naturalistico della “Rimembranza” di Terracina è il primo parco pubblico della città e uno dei primi Parchi della ‘Rimembranza” italiani, costituito come luogo simbolo identitario, storico e culturale della comunità locale e di quella nazionale a memoria delle vicende della “Grande Guerra” (1915-1918). Esso è stato istituito e inaugurato nel 1924, mentre con la Legge n. 599 del 1926 è stato dichiarato “Monumento Pubblico”.

L’area e le strutture storiche del parco sono state sottoposte a tutela monumentale con Decreto del Ministero per i Beni e le Attività Culturali dell’8 aprile 2004, ai sensi del Decreto Legislativo n. 42 del 2004 (Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio).

L’area del parco è inoltre sottoposta a tutela storico-culturale e paesaggistica dal Piano Territoriale Paesaggistico Regionale, approvato con deliberazione di Consiglio Regionale n.5 del 2 agosto 2019. L’area del parco è stata altresì inserita all’interno del perimetro del Parco Regionale dei Monti Ausoni e Lago di Fondi, con Deliberazione dell’Ente Parco n. 37 del 16 giugno 2015.

Il parco è gestito, negli aspetti botanici e didattici, dal WWF di Terracina sin dal 1995, con apposita convenzione, rinnovata con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 105 del 15 giugno 2016. L’area del parco archeologico-naturalistico è stata interessata, nel 2015 e nel 2017, da appositi seminari di studio da parte del Laboratorio di Progetto e Restauro dell’Università di Catania, coordinati dalla prof.ssa Caterina Carocci e svolti in collaborazione con il Comune di Terracina e con le Associazioni culturali Archeoclub d’italia-Sede di Terracina, WWF Lazio-Litorale Pontino, Cultura e Territorio di Terracina. A seguito di tali iniziative di studio e di approfondimento sulla condizione del Parco della “Rimembranza” e sulle sue potenzialità di sviluppo, le suddette Associazioni, insieme al Gruppo 3 degli Scout di Terracina, con nota prot. n. 34, del 27 luglio 2017, hanno proposto e chiesto al Comune di Terracina di ampliare l’area del Parco della “Rimembranza”, includendo nel nuovo perimetro le aree pubbliche contigue naturali e di avviare la necessaria valorizzazione del parco, adeguando gli impianti, le dotazioni per la sicurezza e i servizi, l’accessibilità e la fruibilità, l’allestimento e gli arredi, le tecnologie digitali.

Per quanto premesso:

Considerato che l’avviso pubblico regionale prevede, tra i luoghi ammissibili da valorizzare, oltre ai Musei, Biblioteche e Archivi storici, anche le Aree e i Parchi archeologici comunali;

Tenuto conto che la valorizzazione del Parco archeologico-naturalistico della “Rimembranza”, con i previsti ampliamenti e collegamenti con il Centro Storico basso e la Marina di Levante, e con il Centro Storico alto e l’area comunale protetta di Monte Sant’Angelo (Sito di Importanza Comunitaria/SIC, codice IT 6040009), consentirebbe una più ampia riqualificazione della struttura urbana storica;

Valutato che tale intervento di valorizzazione, dovendo attuarsi secondo il criterio di gestione ecosostenibile del verde urbano, risponde al principio dello sviluppo sostenibile della città e del territorio recentemente sancito con l’aggiornamento dello Statuto Comunale;

Preso atto che la prevista valorizzazione, come indicato dallo stesso bando (art.1), con riferimento all’attuale emergenza sanitaria determinata dal Coronavirus – Covid19 e alle iniziative poste in essere per la ripresa del sistema socio-economico nazionale, comporterebbe una significativa crescita degli spazi pubblici con valenza naturalistica, paesaggistica e culturale, connessi alla qualità dell’ambiente, con ricadute positive per la salute delle persone e per la migliore fruibilità da parte dei cittadini, delle scolaresche, dei turisti italiani e stranieri e per il turismo ambientale e culturale;

Constatato che tale valorizzazione consentirebbe di acquisire i requisiti previsti dal Piano Regionale triennale 2019-2021 (Deliberazione di Consiglio Regionale n. 3 del 03/04/2019) per l’inserimento del Parco archeologico-naturalistico della “Rimembranza” di Terracina nell’Organizzazione Museale Regionale (OMR);

Viste le note del Forum di Agenda 21 locale prot. n. 1905214 del 19/05/2014 e prot.

n. 38561 del 26/07/2017, recepite dal Comune di Terracina con Deliberazioni di G.C. n. 217 del 17/09/2014, n. 321 dell’11/12/2014 e n. 150 del 13/09/2017, relative alla valorizzazione e alla messa a sistema dei parchi e delle aree archeologiche-naturalistichepaesaggistiche della città, in quanto rete a gestione ecosostenibile, nell’ambito della cosiddetta “GreenWay” (“La Via Verde di Terracina”) e del Piano del Verde Urbano e periurbano comunale;

Il Forum di Agenda 21 locale invita l’Amministrazione Comunale a partecipare all’avviso pubblico regionale in oggetto per realizzare l’importante obiettivo di valorizzazione del Parco archeologico-naturalistico della “Rimembranza” di Terracina.

A tal fine suggerisce di utilizzare il pregresso lavoro di studio,  di elaborazione e di progetto compiuto sul parco a seguito della collaborazione stabilita dal Comune di Terracina con l’Università degli Studi di Catania e con le Associazioni culturali sopra richiamate, tenendo conto dei risultati raggiunti e della qualità degli elaborati prodotti e delle soluzioni prospettate.

In proposito, sentite le parti interessate, è stata confermata la piena disponibilità alla collaborazione con il Comune di Terracina per il positivo raggiungimento dell’obiettivo proposto, considerando sia la complessità del progetto che il poco tempo a disposizione.

In conclusione, sperando di aver fornito un utile contributo e aperti, come sempre, ad ogni confronto costruttivo, si coglie l’occasione per inviare i nostri più cordiali saluti».

Share this post