Protezione civile senza visite mediche e divise estive. Il consigliere comunale Valentino Giuliani denuncia il fatto.


I volontari della protezione civile sono a corto di divise estive. Come se non bastasse, il personale non può effettuare operazioni di soccorso in quanto non ha effettuato le dovute visite mediche; tutto questo dopo i tragici fatti del terremoto che ha colpito il centro Italia. A Terracina la situazione è ancora in stallo. Non a caso, pochi giorni fa, il coordinatore del gruppo comunale della protezione civile, Michelangelo di Manno, ha rassegnato le dimissioni con l’amministrazione comunale, che in teoria dovrebbe farsi carico di questo problema. Infatti, l’amministrazione comunale, aveva progettato un piano di 14mila euro per la protezione civile, alla quale però non è arrivato quasi nulla. L’opposizione non è rimasta con le mani in mano, e il consigliere di Forza Italia Valentino Giuliani, ha affermato che “la protezione civile è stata abbandonata a se stessa. La situazione è ancora più drammatica, in quanto è arrivata in un momento in cui le zone attorno a Terracina sono sconquassate dagli incendi. Aggiunge poi Giuliani “Un fatto incredibile. Neanche per quest’anno ci si è dotati di un piano di prevenzione incendi, anzi si scopre che dal 2014 non vengono predisposti i punti di avvistamento”. Tutto questo mentre le protezione civile non può neanche effettuare le dovute operazioni, in quanto non ha effettuato le visite mediche di routine.

Share this post