Quasi venti anni di centrodestra, movimenti civici e Pd: «Città stanca e avvilita»


«Dopo 18 anni di amministrazione NARDI/PROCACCINI la città è stanca, avvilita dal peso della disamministrazione, sfibrata da anni di indifferenza e trascuratezza». Inizia con queste parole una nota politica a firma dei movimenti civici “Terracina contro il declino”, “Insieme a te” e Partito democratico. «Terracina si è fermata ed oggi fermarsi vuol dire arretrare. Tutti i dati economici e sociali confermano questo ed il risultato di questo arretramento è una città più povera. Il paradosso è che sono stati chiamati a risolvere il problema coloro che ne sono stati artefici e che ancora oggi si propongono a guidarla. Quando una città non parla di se, delle sue prospettive, lascia i cittadini soli, sottrae loro il futuro e blocca ogni speranza. Intere zone sono esposte al degrado, mobilità caotica, elevata percezione di insicurezza, sistema dei servizi sociali inadeguato rispetto al bisogno di assistenza delle persone, settori economici trainanti in difficoltà.

Noi crediamo che sia necessario che la nostra città divenga il riferimento di un distretto della integrazione secondo un modello di sviluppo sostenibile. Perché appunto la connotazione tipica moderna è l’integrazione tra mari e monti, tra insediamenti e percorrenza, tra etnie ed accoglienza.

È urgente definire un modello nuovo di città in grado di coniugare competitività e solidarietà favorendo la crescita economica ed il miglioramento della qualità della vita.

Tanti progetti si possono e realizzare secondo tre assets fondamentali: l’agricoltura, che deve essere tecnologicamente potenziata e rilanciata; il turismo, che le amministrazioni passate hanno lasciato andare senza sapere e/o volere qualificare; la cultura, attraverso il rilancio e la valorizzazione dell’intero patrimonio storico – architettonico e naturalistico. Al suddetto fine occorre costruire un campo largo fatto di partiti, associazioni e movimenti. Il perno sul quale tale campo deve poggiare è quello della consapevole ed attiva partecipazione dei cittadini che consenta finalmente l’affermazione di un governo qualificato ed all’altezza dell’importanza che la città riveste. I sottoscrittori del presente documento convocano dunque un primo incontro pubblico di presentazione della nuova area per il prossimo 15 febbraio alle ore 16,30 al fine di aprire un confronto politico e programmatico con i cittadini, i movimenti politici le associazioni ed i protagonisti sociali interessati a contribuire al rilancio della città».

Share this post