Raro esemplare di airone stellato soccorso dalla Guardia costiera


Alla Sala Operativa della Guardia Costiera è giunta nel primo pomeriggio di ieri, la segnalazione, da parte dei volontari del Circolo di Legambiente Terracina – “Pisco Montano”, della presenza sull’arenile, in prossimità del lido “Sirenella”, di un volatile dal piumaggio bruno screziato di nero in evidente difficoltà, probabilmente a causa di una zampa spezzata.

I militari intervenuti hanno subito recuperato l’animale, sistemandolo provvisoriamente nei locali dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Terracina, in attesa di consegnarlo all’Ente Parco Riviera di Ulisse, dove il Dottor Nicola MARRONE, Direttore e Responsabile del servizio naturalistico e sviluppo sostenibile dell’Ente, si è reso fin da subito disponibile a fornire il proprio supporto. L’animale, un Tarabuso o Airone stellato, è una specie protetta della famiglia degli “Ardeidi”, uccelli migratori che nidificano nei canneti e negli habitat dunali; e’ stato quindi consegnato ai volontari del Circolo di Legambiente di Terracina, per il successivo trasporto al centro di assistenza e le cure del caso.

La presenza di questi delicati animali, non frequente sui nostri litorali, è presumibilmente conseguenza del periodo di “lockdown” per l’emergenza nazionale COVID-19, e deve far riflettere sulla necessità che l’uomo adotti sempre comportamenti virtuosi ed idonei a salvaguardare il fragile ecosistema marino e costiero.    Il buon esito dell’intervento di oggi è dipeso dalla ormai consolidata collaborazione tra la Guardia Costiera e le varie associazioni del territorio, in questo caso il Circolo di Legambiente “Pisco Montano” di Terracina e l’Ente Parco della Riviera d’Ulisse, che da sempre si adoperano per la protezione e la tutela della flora e della fauna di tutte le specie dell’Agropontino.

 

Share this post