Riscatto della laurea, boom di domande. Successo per la battaglia di Zicchieri


«Questa mia battaglia sta dando i primi risultati positivi». È con queste parole che il deputato Francesco Zicchieri commenta un articolo pubblicato dal Corriere della Sera inerente i primi risultati sul provvedimento del riscatto della laurea agevolato. Si tratta in poche parole della possibilità di far valere gli anni dell’università ai fini della pensione. «I dati dell’Inps – scrive il portale d’informazione – parlano chiaro: ad aprile, tra riscatto low cost e riscatto «normale», sono arrivate 7.020 domande. Rispetto alle media mensile del 2018, quando il riscatto low cost ancora non c’era, l’aumento è del 202%». Insomma un vero e proprio boom. Evidentemente la novità, peraltro attesa da tempo, sta dando i suoi frutti.

Il riscatto low cost sembra avere più successo tra i lavoratori del settore privato rispetto ai dipendenti pubblici. Sempre ad aprile le domande arrivate dal settore privato sono state 2.900, quelle degli statali 500. Questi i dati snocciolati dal Corriere. «Altra tendenza interessante. Il numero delle domande sembra in accelerazione. Il dato di aprile è più alto di quello di marzo, che l’Inps aveva comunicato nelle settimane passate. Solo due numeri per leggere questo andamento: a marzo le domande di riscatto agevolato nel settore privato erano state 2000, ad aprile sono balzate a quota 2.900».

Share this post