Romina D’Auria campionessa italiana


Romina D'Auria vince a Lenola e a Torrice. Anxur Time

di Osvaldo Militi

Ennesimo titolo tricolore per Romina D’Auria che in una Napoli insolitamente fredda e piovosa, si è laureata – in appena tre ore – campionessa italiana Opes di maratona. Una vittoria sofferta, ma proprio per questo ancora più apprezzata, quella che la campionessa terracinese è riuscita a costruirsi lungo l’interminabile tracciato della “Maratona di Napoli”.

asd podistica terracina

Non finisce mai di eccellere, questa straordinaria atleta pontina; gara dopo gara continua ad appassionare tutti, regalando entusiasmanti vittorie ed emozionanti pagine di sport. La portacolori della “Podistica Terracina”, già detentrice dello stesso titolo sulla distanza della mezza maratona, ha iniziato con un apparente svantaggio di alcune centinaia di metri, incrementato anche da un’errata indicazione che, purtroppo, la faceva deviare dal percorso di gara, determinandole un certo addebito di tempo.

Poi, classe e maturità hanno fatto il loro gioco, permettendole di rientrare sul gruppo di testa e  lasciando alla fase finale il compito di fare selezione per il podio.

Se una punta d’amaro è rimasta – conoscendo la severità del suo giudizio autocritico – è data dal fatto di non essere riuscita a rimontare anche sulle prime due donne, comunque di diversa categoria, che solo per pochi secondi l’hanno preceduta al traguardo.

L'Asd Podistica Terracina su Anxur Time

ASD Podistica Terracina,una società vincente

In campo maschile, il più veloce tra i terracinesi è risultato Pasquale Balzano che, grazie al suo splendido stato di forma atletica, è riuscito a demolire il precedente primato sulla distanza, facendo segnare l’invidiabile tempo di tre ore e tredici minuti. E tutto questo a quasi otto anni dall’ultima prestazione sulla distanza: indice che, per i veri atleti, il tempo non è poi una dimensione così condizionante!

In bella luce anche Emilio Subiaco, altro plurititolato atleta della “Podistica Terracina”, che ha chiuso la gara  con l’eccellente crono di tre ore e ventisei minuti.

Grandi novità, nuove sfide e formidabili avversari attendono la squadra in questo 2015 – precisa il presidente Egidio Pagliaroli – ma una vittoria così, giunta ad inizio anno, è proprio di buon auspicio e dà già il segno della piega che dovrà prendere la stagione.

Share this post