Scatti norvegesi al St. Patrick


Forse i norvegesi sono rimasti gli unici ad investire ancora nel centro storico. A loro non scoccia dover camminare molto per arrivare al mare, visto che rimarrebbero ore ad ammirare un paesaggio oppure un monumento. C’è chi tra una vacanza e l’altra ha deciso anche di esporre le sue fotografie, ovviamente all’interno di uno dei locali per eccellenza del centro storico, l’enoteca St. Patrick che in questi giorni ospita la mostra di Bengt Solanato a Stavanger in Norvegia 1962, sposato con Kristin, con il quale ha 2 figli, Ole Andrè e Jo Sondre.

Il fotografo Bengt Sola

Il fotografo Bengt Sola

Il fotografo vive vicino al mare in Tananger, al di fuori di Stavanger, sulla costa sud occidentale della Norvegia. «La mia passione per l’arte e la fotografia – scrive – è iniziata all’età di dieci anni. Inizialmente l’idea era quella di scattare foto da utilizzare per i miei dipinti ad olio. Ho preso tantissime foto e sono rimasto affascinato da questa tecnica. Ho avuto la mia prima reflex all’età di sedici anni e feci il mio primo studio a casa dei miei genitori. La mia prima Hasselblad l’ho acquistata dopo che aver compiuto il ventesimo compleanno.Ho uno studio archivio in Tananger che ho iniziato nel 2003 con le foto ritratto». Una mostra permanente che Massimo ed Ivana hanno subito accettato di allestire con piacere, dando così la possibilità ad un artista come di Bengt Sola di poter essere apprezzato anche in Italia e perché no, sorseggiando un buon bicchiere di vino.

Share this post