Società di consulenza, la Lega porta il caso in Consiglio con l’interrogazione


Utilizzo di logo e dicitura “Comune di Terracina” da parte di una società di consulenza, il gruppo della Lega dopo una prima denuncia pubblica passa all’attacco anche per via istituzionale. E lo fa attraverso un’interrogazione presentata dal gruppo consiliare guidato dal capogruppo Valentino Giuliani per discutere della questione in Consiglio.

«Premesso che diversi cittadini ci hanno contattato per chiedere spiegazioni da parte di un soggetto privato del nome e/o del logo del Comune di Terracina nella promozione di loro servizi finanziari e di consulenza durante il periodo dell’emergenza Covid-19; La Società risulta essere tra i prestatori di servizi dell’Europarlamentare Nicola Procaccini, già sindaco ed assessore del Comune di Terracina;

Considerato che: L’assessore Zomparelli dichiara a mezzo stampa (Latina Oggi 21.04.2020) di essere tra i soci fondatori della società e di aver in seguito ceduto le sue quote; L’amministratore unico attuale della società a mezzo stampa (Latina Oggi 21.04.2020) ammette l’uso improprio della dicitura “Comune di Terracina” su una comunicazione via “mailing list” a potenziali clienti; L’assessore Danilo Zomparelli in un suo recente intervento sui social network a domanda di un cittadino risponde che la società predetta non ha in essere convenzioni con il Comune di Terracina e non ha l’autorizzazione per l’utilizzo del nome e del logo dell’ente;

Per quanto sopra premesso e considerato i sottoscritti Valentino Giuliani, Fulvia Pisa, Gianluca Corradini, Tocci Massimiliano, Speranza Annamaria e Domenico Villani Consiglieri Comunale di codesto Comune interrogano il vicesindaco e l’assessore competente per avere informazioni sulla realizzazione dell’impianto in argomento ed in particolare:

  1. 1.Chiarire quali rapporti intercorrono o sono intercorsi tra la società e l’ente comunale a far data dall’anno 2015 ad oggi
  2. 2.Informarci a seguito di quale procedura predetta società è stata selezionata e quali servizi gli sono stati affidati
  3. 3.Chiarire se alla data odierna la società è autorizzata a espletare servizi per conto del Comune di Terracina e ad utilizzarne logo e/o nome nelle sue comunicazioni.
  4. 4.Chiarire se sia esistito conflitto di interesse tra la detenzione delle quote societarie da parte dell’Assessore Danilo Zomparelli e i servizi svolti dalla predetta società per conto del comune.
  5. 5.Informarci se, questa amministrazione si intenzionata ad agire legalmente per l’utilizzo improprio della dicitura “Comune di Terracina” nei confronti della società chiedendone la rimozione immediata e il risarcimento dei danni di immagine subiti dall’ente».

Share this post