Sostegno Ue all’agricoltura, FdI: “Fondi sbilanciati e da incrementare”


“Prendiamo atto che le misure straordinarie di sostegno all’agricoltura, annunciate oggi dal Commissario UE Janusz Wojciechowski, vanno nella direzione da noi più volte auspicata, ma devono essere migliorate per fornire maggiori risorse alle produzioni mediterranee e, soprattutto, va incluso l’importante settore delle carni suine. Prima di essere definitivamente approvati, i nuovi finanziamenti vanno incrementati tenendo nel giusto conto i settori del comparto agroalimentare maggiormente colpiti dall’emergenza Covid-19. Ci aspettiamo soprattutto che si faccia presto, gli aiuti devono evitare il blocco di una filiera essenziale”.

E’ quanto affermano gli europarlamentari del gruppo FDI-ECR, Carlo Fidanza (capodelegazione di FDI al PE) e Nicola Procaccini (membro della Commissione Agricoltura di Bruxelles), commentando il nuovo pacchetto di aiuti al settore agroalimentare annunciato oggi dalla Commissione UE.  Tra questi, l’amm asso privato per i prodotti lattiero-caseari e le carni,  programmi di sostegno più flessibili per produzioni quali vino, frutta e verdura, olio d’oliva.

“Sono importanti gli aiuti annunciati a sostegno dell’apicoltura così come la deroga alle regole di concorrenza per i settori del latte, dei fiori e delle patate, misure che consentiranno di dare respiro ai produttori e allentare la morsa della crisi. Aspettiamo, però, di vedere il pacchetto definitivo di proposte da approvare, che devono riequilibrare lo sbilanciamento a favore delle produzioni tipiche del Nord Europa, come sottolineato anche da alcune organizzazioni di produttori”.     

Share this post