Spazi scolastici, Berti lancia l’allarme: “Lavorare oggi per evitare disagi a settembre”


«In previsione della ripresa delle attività scolastiche a settembre si renderà necessario iniziare ad individuare delle possibili soluzioni organizzative che possano essere le più sicure e funzionali ai tempi del covid 19». Lo afferma la consigliera comunale del Pd Valentina Berti, che ha deciso di sollecitare il Comune di Terracina in previsione dell’avvio del prossimo anno scolastico. «Per 25 alunni ci vuole una classe di  45-49 mq (Da tener conto che il D.M. 18/12/1975 prevede che le aule siano di altezza non minore a tre metri e che il rapporto alunni superficie sia di 1.80 mq/ alunno nelle scuole materne, elementari, medie e 1,96 mq/ alunno nelle scuole superiori, senza tener conto degli arredi (es. cattedra e armadi). Le nostre scuole non hanno più spazi per formare altre classi e bisognerà prevedere nuove soluzioni». Ecco perché Berti ha richiesto la convocazione della VI commissione quella cioè delle”Politiche Sociali”. «Costituire un tavolo di confronto ci consentirà di prevedere con largo anticipo una serie di soluzioni cercando di considerare  problemi e difficoltà relative». Ovviamente Berti propone anche l’invito a partecipare ai dirigenti scolastici dei tre istituti comprensivi della città per ascoltare il loro punto di vista e lavorare in sinergia per tentare di superare le criticità.

Share this post