Spesa Sospesa, il grande cuore dei cittadini per aiutare le famiglie in difficoltà


«Il 26 marzo, subito dopo la convocazione del nostro sindaco, Roberta Tintari,  ci  siamo resi conto che era necessario fare qualcosa, che fosse di  immediato impatto, a supporto dei cittadini». Anche a Terracina entra nel vivo l’iniziativa di solidarietà Spesa Sospesa, ad opera di alcuni concittadini.

«La situazione economica di molte famiglie – fa sapere Valentina Berti – è improvvisamente cambiata, a causa della “necessaria” chiusura di molte attività commerciali e di servizi.

Questa nuova situazione ci ha subito allarmato e preoccupato. Numerose le sollecitazioni e richieste di aiuto che ci  sono arrivate, spingendoci ad intervenire. Insieme a Martina Iannetti e a Cristiana Del Duca, e poi anche con il contributo di tanti altri cittadini, che ringrazio pubblicamente, abbiamo pensato di accelerare il passo. La solidarietà deve necessariamente avere caratteristiche diverse dagli altri tipi di intervento sul territorio. Deve rispondere ai bisogni primari inderogabili e indifferibili e non può assolutamente seguire  i tempi delle burocrazie. E così il 28 marzo, con Martina Iannetti, abbiamo pensato di “creare” questa iniziativa. Ci siamo ricordati dell’idea di Cristiana di costituire un gruppo social su fb, per aiutare e dare sostegno alle famiglie in difficoltà post-emergenza sanitaria da covid 19 e, con molto entusiasmo, abbiamo reso il tutto praticamente realizzabile! Da oggi 30 marzo sarà possibile recarsi in vari supermercati e centri di acquisto, che hanno dato la loro disponibilità e comprare generi di prima necessità ( prodotti alimentari, per l’igiene personale e la sanificazione ambientale) e lasciarli negli appositi carrelli per la “spesa sospesa”. Un modo pratico per donare un po’ di serenità a quelle famiglie che hanno perso non solo la propria libertà a mantenere vive le relazioni sociali ma anche l’indipendenza economica. Un po’ di RESPIRO. Queste risorse verranno raccolte e distribuite dai volontari della Caritas il mercoledi e il sabato nel centro di deposito della parrocchia dei S. Martiri, secondo le necessità e le disponibilità cercando di accontentare piu famiglie possibile. Il progetto si chiama SPESA SOSPESA e speriamo sarà condiviso e supportato dal maggior numero di persone. Se la solidarietà sarà contagiosa almeno quanto questo nemico invisibile e insidioso, che stiamo combattendo, allora tutti uniti ce la faremo!»

Share this post