Spiagge a misura di bimbo, dopo la bandiera blu arriva quella verde


Assegnate oggi le Bandiere Verdi: Terracina tra le 142 spiagge italiane e spagnole adatte ai bambini. La delegata alla Sanità Maurizia Barboni: “Contenta del risultato. Ringrazio i colleghi pediatri che hanno permesso per la prima volta alla nostra città di avere questo riconoscimento”. L’Assessore all’Ambiente Emanuela Zappone: “Congratulazioni ai nostri stabilimenti balneari, modello positivo di imprenditoria familiare”.

Terracina e le sue spiagge a misura di bimbo. Con una cerimonia a Praia a Mare sono state assegnate le Bandiere Verdi 2019, tra i 142 comuni italiani e spagnoli insigniti della Bandiera Verde dei Pediatri spicca Terracina che ha ottenuto, per la prima volta dal 2008, l’ambito riconoscimento. 170 pediatri italiani coordinati dal dottor Italo Farnetani, ideatore dell’iniziativa, hanno stabilito che il nostro litorale è una delle mete ideali per le vacanze delle famiglie con bambini. I requisiti per ottenere il riconoscimento sono la presenza di spiaggia con sabbia, spazio fra gli ombrelloni per giocare, acqua bassa alla riva e che non diventi subito alta in modo che si possa giocare in sicurezza, presenza degli assistenti di spiaggia, attrezzature dedicate ai bambini e opportunità di divertimento per i genitori.

Soddisfazione da parte del delegato alla sanità Maurizia Barboni: “Sono molto contenta per questo ulteriore riconoscimento per la nostra città, soprattutto perché Terracina è stata scelta da pediatri, colleghi che hanno certificato la funzionalità delle nostre spiagge per le esigenze delle famiglie.

Hanno partecipato alla ricerca 170 pediatri di tutte le componenti professionali della categoria: universitari, di famiglia e ospedalieri, una varietà di competenze che accresce la credibilità del giudizio espresso. Non nascondo che, da rappresentante dell’Amministrazione e in qualità di pediatra, la mia soddisfazione va oltre il semplice obiettivo raggiunto. In dodici anni le 142 Bandiere Verdi assegnate hanno ovunque favorito la creazione di servizi a favore dei bambini e delle famiglie determinando così una promozione e un miglioramento dei servizi per l’intera città. Non solo: la candidatura per la Bandiera Verde costituisce l’opportunità di avere a disposizione un’indagine epidemiologica della popolazione infantile relativa a eventuali disturbi e malattie contratte nelle città interessate”.

L’assessore all’Ambiente Emanuela Zappone: “Desidero ringraziare e congratularmi con il consigliere delegato Maurizia Barboni per il grande impegno finalizzato all’ottenimento del riconoscimento e coronato da successo. Dopo la Bandiera Blu giunge per il litorale di Terracina un ulteriore riconoscimento che sancisce l’affermarsi di una diffusa cultura ambientale e qualità dell’offerta turistica. Grazie ai nostri stabilimenti balneari per i loro servizi all’avanguardia, capaci di soddisfare le esigenze di cittadini e turisti, a dimostrazione che la conduzione familiare che caratterizza i nostri stabilimenti è un modello positivo in grado di garantire un servizio eccellente e di prima qualità. La tradizione imprenditoriale di questo settore fa la differenza, anche in materia di attenzione all’ambiente perchè la cura di un arenile vivibile e di un mare pulito non rappresentano una semplice professione, ma una vera e propria passione”.

 

Share this post