Terracina Città che legge, soddisfazione della casa editrice Innuendo


Sono stati attribuiti dal Centro per il libro e la lettura (Ministero dei Beni artistici e Culturali), d’intesa con l’ANCI, le qualifiche di “Città che legge” alle amministrazioni comunali che si stanno impegnando a svolgere con continuità politiche pubbliche di promozione della lettura sul proprio territorio.

Tra queste il comune di Terracina che ha visto accogliere il progetto che ruota intorno al Terracina Book Festival, che ha messo alla ribalta nazionale il comune pontino. Viva la soddisfazione da parte dell’amministrazione comunale con il Sindaco F.F. Roberta Tintarti, l’assessore alla cultura Barbara Cerilli, della Casa editrice terracinese Innuendo con Massimo Lerose, e dell’editore lucchese Andrea Giannasi. L’importante riconoscimento, attribuito a circa 800 comuni in tutta Italia, è una conferma dell’ampia sinergia tra festival letterari, eventi culturali, librerie, biblioteche pubbliche, scuole, associazioni.

Il Terracina Book Festival e Innuendo si presentano, dopo anni di lavoro, come realtà in grado di far da collante, far crescere la diffusione della lettura come valore riconosciuto e condiviso, in grado di influenzare positivamente la qualità della vita individuale e collettiva.

Share this post