Terracina e il suo (ex) centro impiego


procaccini-nicola

Terracina da mesi non ha più un suo centro dell’impiego, di per se questa potrebbe essere considerata una notizia secondaria. Come spesso accade il perché una città come Terracina ha perso il centro dell’impiego, punto di riferimento per lavoratori bisognosi ed imprenditori, non sempre è chiaro e talvolta al vero motivo si sostituiscono delle voci e delle ipotesi. Per fare luce sulle motivazioni , ci siamo rivolti al centro dell’impiego di Fondi il quale ha raccolto tutti gli utenti di quello terracinese, e alla richiesta di spiegazioni ci hanno risposto : “è colpa del sindaco”.

procaccini-nicola

Abbiamo allora contattato il sindaco Procaccini: ” il Centro non è stato eliminato in modo definitivo dal territorio del nostro comune. La Provincia, ci ha richiesto i documenti che attestano l’agibilità e l’accatastamento dei locali nei quali sarà erogato il servizio, il comune non dispone di questi, ragion per cui ha dovuto chiederne la messa a norma ad un geometra. L’iter burocratico è già iniziato ma richiede del tempo, questo si calcola in circa un mese”. I locali che il sindaco ha pensato di destinare al nuovo sportello per l’impiego sono nell’area Ghezzi, all’interno di questa struttura continua il primo cittadino “vorrei creare La Casa comunale del Lavoro e dell’Impresa” .

Poi Procaccini ripartendo dal nome della struttura, ci spiega in che modo questa dovrebbe rendersi utile alla comunità: “Questa raccoglierebbe al suo interno l’incontro tra coloro che cercano lavoro e coloro che cercano lavoratori”. A volte c’è la necessità di inserire una notizia o un evento in un contesto più ampio, comprendendo cosi tutto il valore che essa ha. Gli ultimi dati Istat attestano il livello della disoccupazione al 12,5% nel nostro paese.

Questo valore è solo la fotografia di una situazione negativa ed in continuo peggioramento, un tale dato non si registrava dal 1977, se questi sono già di per se motivo di sconforto, ciò che esce dalle analisi fatte per l’occupazione giovanile risulta ancora più disarmante, quest’ultimo provato da una crisi che non sembra voler finire: il 40,4% dei giovani infatti non ha un lavoro. Gli occupati, nella fascia di età tra i 18-25 anni, sono meno di due su dieci. In un tale contesto lo sforzo fatto dall’amministrazione locale può risultare decisivo nell’affrontare il bisogno occupazionale. Un progetto, che se realizzato, potrebbe dare nuova linfa alla piccola imprenditoria e a molti lavoratori.

Share this post

Giovanni Marchegiani

Giovanni Marchegiani

Laureato in Storia alla @SapienzaRoma. Attualmente sono a Terracina, prima sono stato researcher alla @LibraryofCongress, e studente Erasmus a @UniOslo. Nel frattempo provo ad essere: blogger, writer, swimmer and travelers. E anche un bravo fidanzato.