Terracina e la videosorveglianza. Ci siamo!


videosorveglianza terracina. anxur time

A fine anno Terracina sarà controllata ai raggi x. Per quel periodo infatti è prevista l’ultimazione del sistema di videosorveglianza a cura della Selcon, la ditta che si è aggiudicata il bando. 108 telecamere dislocate in 25 postazioni di ripresa, 4 unità di lettura targa, una postazione mobile e ovviamente una centrale operativa con ben otto monitor. Sono questi i numeri resi noti nel corso della conferenza stampa.

rifiuti terracina, anxur time

L’obiettivo è quello di rendere il territorio meno aggredibile dalle attività criminose. I lavori inizieranno a settembre e la videosorveglianza entrerà subito in funzione gradualmente con l’installazione progressiva delle postazioni.

La qualità dell’immagini va dai 50 ai 100 megapixel. A fine anno quindi gran parte del territorio di Terracina sarà monitorato dalle 25 postazioni che in alcuni casi potrà contare su più telecamere. Solo quella di Piazza della Repubblica, ad esempio, ne avrà sette. Quattro unità di lettura targhe saranno poste all’ingresso sud e nord della città. Un sistema capace di memorizzare le targhe e verificare la data e l’ora del passaggio dell’automobile. L’unità mobile verrà spostata a seconda delle esigenze e soprattutto in quelle zone al momento sprovviste di postazioni.

Sarà molto importante ad esempio monitorare quelle zone dove spesso e volentieri vengono lasciati rifiuti ingombranti e non solo, creando un vero e proprio danno ambientale.L’obiettivo è comunque quello di coprire entro breve tempo tutto il territorio con l’installazione graduale di altre postazioni. La videosorveglianza è stata resa possibile grazie al finanziamento della Provincia di Latina. Per i prossimi due anni la manutenzione sarà a totale carico della ditta. La Centrale operativa è prevista alla sede ell’ex Tribunale dove si trasferirà il comando dei Vigili Urbani.

Share this post