Terremoto nel Pd, parla Berti: «Scelta che non condivido, divisi si perde forza»


Dopo l’uscita dal Pd dei consiglieri comunali Alessandro Di Tommaso e Giuseppe D’Andrea, l’unica rappresentante in aula del partito resta Valentina Berti. Ed è proprio lei a commentare quanto accaduto. «La riunione dell’altra sera ha diradato finalmente i numerosi dubbi che da mesi ci lasciavano perplessi sul futuro del nostro gruppo consigliare» ha spiegato. «Purtroppo si è definitivamente sciolto senza alcuna possibilità di ripensamento. E anche se rispetto questa decisione, la subisco senza avere avuto nessuna possibile alternativa. Credo sia doveroso specificare che la comprendo ma non la condivido. Non condivido l’idea di rinunciare a progetti, idee e  obiettivi nobili e giusti da raggiungere insieme solo perché qualcuno o qualcosa al di sopra di noi non rispetta il nostro modo di essere e di pensare o non ci ha dato opportuna considerazione.  Nessuno di noi potrebbe più uscire di casa! Allora mi chiedo: se non è sbagliato il progetto, se le persone con cui vuoi realizzarlo sono quelle con le quali ti sei sempre sentito a casa, perché non cambiare con loro quello che non ti piace  e che potrebbe essere migliorato? A questa domanda purtroppo non trovo risposta». 

Insomma uno strappo difficile da ricucire. «Non posso condividere questa soluzione. Non capirò mai come dividersi possa essere un segnale di cambiamento. Quello che è certo è che dividersi è perdere forza, energia e permettere ad altri di imperare. La storia ci ha sempre dimostrato questo e noi non siamo ancora in grado di fare tesoro di questa esperienza». A questo punto Berti chiarisce la sua posizione. «Per quanto mi riguarda mi troverete ben salda al mio posto con le mie convinzioni con i miei ideali e con il mio senso pratico che spero mi permetterà di raggiungere quei risultati di cui tanto si parla ma che a forza di parlare rischiano di diventare sempre più un’utopia. Mi è stata data questa opportunità e non intendo sprecarla. Non credo assolutamente che uscire da un gruppo possa darci quella marcia in più per rincorrere i nostri ideali. Pertanto auguro loro di trovare presto la giusta dimensione del loro impegno politico. Per quanto mi riguarda nel pieno e assoluto rispetto delle persone che rappresento cercherò di non deludere mai questa vostra fiducia e di essere coerente con le scelte fatte finora».

Share this post